sabato 28 novembre 2009

Prima vera uscita in BDC

LA "Criminale" DI MIA SORELLA HA ORGANIZZATO UNA CENETTA ......

BEATO TRA LE DONNE ......

UNA PICCOLA DOSE DI PROTEINE ........

MENTRE A CASA CONTINUA L' OPERA DI MIA SUOCERA ......



Gli ultimi giorni sono rimasto un po' indietro con gli aggiornamenti del blog, ma tra lavoro e impegni vari, non sono ruscito nemmeno a trovare il tempo di scrivere, sono partito tutti i giorni presto e ho tirato forte fino a sera ...... In piu' tra incontri, appuntamenti e inviti vari, la bilancia ha toccato il nuovo record negativo di 79.4 Kg ben 5 kg sopra a quest' estate, il primo momento mi sono veramente posto il dubbio se riusciro' a rimettermi in bici dopo questo tour de force culinario. Ieri ho detto che oggi avrei ricominciato almeno un po' a rimettermi in regola a tavola, posso dire che cosi' e' stato, da domani spero di cominciare a scendere, per quanto riguarda gli allenamenti, ho continuato con il programma e ieri 30 minuti a piedi, sono andato molto tranquillo, infatti ho fatto una media di 148 battiti praticamente a fono lento, ma sorpresa ho corso i 4 km in 25 e 16 meno del primo giorno nel quale ho usato il cardio e quindi posso dire che non sono andato per nulla piano. Oggi invece ho ripreso in mano la BDC niente di speciale, 60 km in poco piu' di 2 orette, dolori a non finire per i primi 20 km sopratutto alle ginocchia e nella parte posteriore delle cosce, cosi' con Radames invece che proseguire con i Formula Inverno, abbiamo continuato da soli per una trentina di Km, rapporto 39x17 a 30-31 km/h, chiaccherando. Abbiamo fatto il giro al contrario e poi a meta' ci siamo riagganciati al gruppo scatenato, qui per la prima volta ho tirato su il 52, i pazzi "manavano" a oltre 40 km/h e io ero in affanno ma non troppo su frequenze di lungo/medio, nel finae poi c'e' stata la solita bagarre per la vittoria a Musestre, io ho cercato di giocarmi la gara tatticamente, ma non avevo gambe, soprattutto quando a 1 km dall' arrivo e' partito Pietro con una gran sparata, ci ha salutati tutti e l' abbiamo rivisto solo dopo il traguardo, dietro il gruppo ha aspettato un po' per poi rilanciarsi in maniera violenta, la variazione di ritmo e' stata notevole, ma era oramai troppo tardi, per il secondo posto io a mia volta ho cercato di prendere la ruota di Radames che avevo visto pedalare bene, ma quando e' partito sentivo che non avevo Watt e cosi' sono rimasto dietro a lui comunque prendendo il terzo posto assoluto a quasi 190 battiti, per il momento va bene cosi' come primo giorno e' anche troppo.

venerdì 27 novembre 2009

Meteo di m.......

IL MIO AMICO MATTEO MI HA SPEDITO
QUESTA SPLENDIDA PANORAMICA DALLA PUGLIA

P.s. grazie per i consigli sulla palestra ne terro' conto



Ieri proprio ha girato male, nel senso che sono partito da casa che il tempo era incerto, freddo, nebbioso, umidita' 100%, strada umida, ma siccome dopo la corsa martedi' salendo sopra la bici da corsa mi sono reso conto che la posizione in MTB e' troppo differente e ho preso paura di modificare troppo il mio assetto in bici. Ideale sarebbe alzare il manubrio di un paio di spessori, e tirare indietro la sella di 0,5-1 cm in modo da avere un assetto meno "racing" e piu' comodo per l' inverno, visto anche l' aumento della mia pancia :O)))))) Ad ogni modo, mi preparo, calzamaglia, giubbino invernale, intimo traspirante, solito abbigliamento a cipolla con 3 strati, scarpe, calzini sopra le scarpe e copriscarpe (io soffro davvero il freddo alle mani e ai piedi). Esco dalla porta di casa e zacc.... comincia a gocciolare, per un attimo penso che torno indietro, mi RIcambio e vado in garage a fare rulli, ma e' solo un attimo, inforco la BDC (bici da ciclismo) e via sotto la pioggia. Purtroppo anche se non posso dire di essermi completamente "lavato", pedalare d' inverno al nord sotto l' acqua non e' il massimo della gioia, ma almeno sono riuscito a fare 1 oretta e mezza agile tanto per "ricordare" ai miei muscoli come si sta sopra una BDC. Il mio amico Matteo mi ha spedito una splendida foto in allenamento, delle sue zone al Sud Italia, e mi sono caudti gli occhi quando l' ho vista, credo tra clima e salite il Sud sia un vero paradiso per il ciclismo, solo la riviera liguere puo' avere le stesse condizioni meteo, qui intanto aspettiamo la primavera con ansia, tanto mancano solo 2-3 mesi ......

DATI POLAR:

Tempo: 1:39.08

Distanza: 42.7 Km

Velocita' media: 25.8 Km/h ( un fulmine .....)

Kcal: 965

Battito medio: 138

giovedì 26 novembre 2009

4 Km in 22:42.0 a 5.40-km

Ieri, al mio 5 allenamento di corsa a piedi, finalmente sono riuscito a fare un riscaldamento degno di questo nome, ho usato un piccolo trucco, nel senso che sono salito direttamente sui rulli e ho fatto 15 minuti in agilita' in modo da preparare le caviglie il mio vero punto debole e il fisico in maniera generale. Ho aggiunto un paio di esercizzi per la schiena fatti pero' un po' superficialmente e un paio di allunghi a piedi fino a 145 battiti, non posso dire di essere arrivato ancora ad un punto buono, ma almeno nei primi 10 minuti non ho sofferto come le prime 4 volte e sopratutto il piede che prima mi aveva fatto male, questa volta e' andato tutto liscio. Sono partito subito benone, sempre rapportato al mio livello attuale di sportivo che si avvicina con molta modestia all corsa a piedi, dopo pochi minuti sono salito fino al medio sui 160 battiti e questa frequenza sono riuscito a tenerla con una discreta facilita' fino alla fine senza subire cali o soffrire in maniera esagerata, anzi nel finale ho pure aumentato portandomi quasi al ritmo di soglia sui 170-175 battiti. Alla fine 22:42 quasi 2 minuti meglio e sopratutto muro dei 6 minuti-km spazzato via, che per me ripeto e' gia' una bella soddisfazione.

DATI POLAR:
Distanza: 4 km
Tempo: 22.42.0
Velocita': 5.40-km

Kcal: 295
Battito medio: 163

Finita la corsa ho fatto qualche centinaio di metri per recuperare e tornato in garage sono risalito sui rulli per fare 5 minuti di defaticamento, la bicicletta e' meravigliosa per rilassare o preparare i muscoli alla corsa. A questo punto ho cominciato il lavoro a secco e anche qui "grasse" sorprese, oggi sono riuscito a completare ben 3 cicli di esercizzi con un numero discreto di ripetizioni. Ecco lo schema di lavoro:

Addominali: 30 25 20 =75
Flessioni: 11 11 7 =28
Bicipiti: 60 60 50 =170
Alzate laterali: 15 15 15 =45
Tricipiti: 20 15 10 =45

TOTALE 136 126 102 TOT: 363

Questi numeri non hanno nessun valore e nemmeno riscontro con tabelle o altro di preparatori piu' qualificati, ma siccome a me piace dare un valore alle cose, ho deciso di farmi uno schema sulla mole di lavoro a secco, cosi' facendo potro' confrontarmi con me stesso per capire la mia progressione nel lavoro. Una volta ho letto una cosa del genere, <"Non si puo' migliore cio' che non si puo' misurare">

mercoledì 25 novembre 2009

Quando il pericolo e' in casa

Quando il pericolo si trova dentro le mura domestiche, io amo mia suocera, con lei ho un rapporto bellissimo, solo che la sua passione purtroppo coincide poco con la mia. La prima cosa che fa mia suocera quando e' da noi e' di mettersi ai fornelli, lei ama cucinare e' una cosa impressionanate, non faccio in tempo ad entrare in casa che subito mi rtrovo un piatto super abbondante caldo e fumante pronto sul tavolo. Io poi di mio ci metto anche un certo appetito e la cuoriosita' di provare continuatamente piatti nuovi, il risultato e' catastrofico, 78.8 kg, porc ..... ben 4 kg sopra il peso di quest' estate. Ecco una panoramica degli ultimi giorni .....

TOCANITA (tocaniza) DE CARTOFI
Piatto fatto con cipolla, patate, peperoni, pomodoro e carne di maiale
Una bomba energetica in tutti i sensi :O))))))


ORES CU LEGUME (PILAF) e FASOLE CU USTUROI

Doppio piatto a sx riso, carote, peperoni, cipolla e carne di pollo

A dx fagioli, maionese e aglio .....

State lontano da me che il mio alito e' pericoloso in questi giorni

PAGITURA CU CARTOF LA CUPTOR
Patate al forno, pollo, rosmarino, olio di oliva e carote bollite

CONOPIDA LA CUPTOR cu GRATAR
Cavolfiore, al forno con formaggio, panna acida (smantena), uova con carne alla griglia

VARZA A LA CLUJ cu VINETE
A sx VINETE, melanzane, cipolla, olio di oliva e limone (si spalma sul pane) BUONISSIMO
A dx riso, verza, cipolla, carne affumicata


BUON APPETITO :O)))))))

lunedì 23 novembre 2009

Corsa a piedi

Le mie scarpe ASICS


Dopo il mezzo passo falso di ieri, oggi ho ripreso la preparazione alla grande come da programma, uscita di corsa con lavoro a secco. Prima di tutto sono veramente contento di aver fatto senza mai fermarmi ben 30 minuti di corsa, che per essere la 4 uscita non e' male, tra l' altro ho avuto l' idea di usare il polar cs100 della mia bici, sia come cronometro e ovviamente come cardiofrequenzimetro. Cosi' adesso ho dei dati piu' precisi e completi come le calorie e sopratutto la frequenza cardiaca nella corsa. Ho cercato di fare un po' di riscaldamento ma ancora non mi ritengo soddisfatto della mia preparazione pre corsa, infatti nei primi 10 minuti ho sentito che non ero ancora "pronto" allo sforzo come si deve. Ad ogni modo la partenza e' stata tranquilla piu' del solito, soprattutto grazie al cardio mi sono assestato sui 145 battiti che per me corrispondono al fondo lungo. Grazie al cardio il mio passo e' stato piu' tranquillo e questo mi ha permesso di arrivare ai 4 km con ancora le gambe abbastanza fresche e sopratutto sono riuscito a correre regolare senza mai dovermi fermare a camminare. Piu' andavo avanti e piu' la frequenza cresceva, purtrppo non ho gli intertempi al km quindi non mi rendo conto se e' cresciuta solo la frequenza o se e' aumentata anche la velocita' e di conseguenza si e' abbassato il crono/km che e' l' unita' di misura del podismo, nel tempo cerchero' di soluzionare anche questa cosa. Gli ultimi 10 minuti ho viaggiato bello agile a 160 battiti che sono il mio medio e gli ultimi 2-3 minuti sono arrivato a 175 che e' la mia soglia anaerobica, ma devo dire che mi sentitvo ancora bene tanto che ho tirato dritto per completare 30 minuti esatti di corsa. Alla fine 25 minuti e 20 secondi cioe' solo 1 minuti in piu' dell' ultima volta senza mai andare in acido lattico.
Ecco i dati del mio polar:
4 KM
Tempo: 25:22.2
Battito medio: 155 (max 174)
TOTALE
Distanza: non misurata
Tempo: 30:01.4
Battito medio: 156
Kcal: 362
Ritornato a casa ho cominciato il lavoro a secco e come detto le routine da ora in poi le faro' 1 serie ad esaurimento per esercizio e per poi ricominciare dall' inizio. Ho completato bene la prima serie con anche una discreta quantita' di esercizi, soprattutto se confrontati con quest' estate dove secondo me ero piu' "scoppiato" mentre adesso fisicamente mi sento piu' tonico, credo sia dovuto al fatto che in bici sto facendo pochi allenamenti e di pochi km questo sicuramente mi permette di avere piu' energie per il lavoro a secco. Alla fine il lavoro e' stato:
Addominali: 30
Flessioni: 11
Bicicpiti: 60
Alzate laterali: 15
Tricpiti: 20
Recupero di 1 minuto tra gli esercizi
+ recupero di 3 minuti tra le serie
Addominali: 20
Flessioni: 8
Bicicpiti: 50
Alzate laterali: 15
Tricipiti: 10
Recupero di 1 minuto tra gli esercizi
L' allenamento completo e' durato circa 1 ora poco piu' e gia cosi' mi sento molto soddisfatto della preparazione fisica che sto facendo, certo devo portare a minimo 3 serie di esercizi e magari correre almeno 40/45 minuti fatti bene, ad ogni modo siamo ancora a novembre e c'e' tempo per fare le cose con calma e bene.

Allenamento e lavoro


Ieri pomeriggio non ce l' ho fatta, era nebbiolina, molto umido e psicologicamente ho avuto un calo cosi' non sono riuscito ad allenarmi, purtroppo ho le energie calibrate al massimo e se per caso per qualche evento esterno succede che vado "fuori giri", la prima cosa che salta e' appunto l' allenamento. Caratterialmente, io sono una persona alla quale piace fare le cose tremendamente bene e quando si mette in testa un progetto, cerco di portarlo a termine nel migliore dei modi, questo a volte puo' portare a strafare e il mio massimo impegno e' quello di rimanere nei limiti per fare tutte le cose al 100%. Come tutti oltre ad allenarmi nella vita quotidiana, sono sopratutto occupato con il lavoro, per me comincia il periodo piu' duro dell' anno, adesso lavorativamente parlando, sono impegnato 7 giorni su 7 per almeno 2/3 mesi e questo gia' di per se' non e' facile, poi tra tutti i miei impegni, nella giornata devo anche riuscire ad estrapolare un paio di ore per allenarmi ....... La mattina per me comincia prestissimo generalmente alle 5 sono gia' in funzione .... mi occupo delle mail dei miei siti e poi verifico gli imballaggi della merce da spedire, parto da casa come un missile e vado a spedire i pacchi in posta o dal corriere, alle 9 normalmente sono gia' in negozio nel centro commerciale dove rimango fino a pranzo per aiutare mia sorella nel lavoro (per quasi 3 mesi al centro commerciale siamo aperti 7 giorni su 7, festa dell' 8 dicembre compresa). Arrivo a casa e nemmeno mangio perche' verso le 11 faccio uno spuntino per non essere vuoto e qui mi ritaglio 2 orette per me dove mi alleno, queste le definisco io le ore felici della giornata dove posso concentrarmi su di me e dove mi considero un po' privilegiato a pedalare nella natura e scaricare lo stress. Arrivato a casa ho i tempi tecnici organizzati sono diventato un mago, se c'e' mia moglie o mia suocera che preparano da mangiare sono a cavallo, guadagno un po' di tempo altrimenti la tecnica e' la seguente: arrivo a casa e metto su l' acqua al fuoco, vado in doccia, quando esco l' acqua bolle e butto dentro la pasta, mentre si cuoce la pasta io mi vesto e quando sono pronto, scolo la pasta e il gioco e' fatto in 15 minuti sono lavato, vestito, mangiato e pronto a ripartire. Al pomeriggio se non ho appuntamenti di lavoro, visite di rappresentanza, banche, commercialisti etc etc, vado in un altro dei miei negozi perche' come si sa da sistemare e preparare c'e' sempre, il tempo non basta mai. Questo fino a sera dove, ritorno a casa e se non ho altri impegni dopo mangiato mi metto al pc per la verifica degli ordini, a volte puo' capitare invece che approfittiamo per uscire in modo da combinare appuntamenti per il nuovo lavoro di rappresentanza. Ad ogni modo verso le 11 massimo mezzanotte cerco di dormire anche perche' alla sera arrivo "lesso" e di piu' non potrei assolutamente fare, visto che il giorno dopo alla mattina presto si ricomincia ......

sabato 21 novembre 2009

4 Km in 24:20.4

Ieri ho fatto la terza uscita di corsa a piedi, nell' arco di 6 giorni, sono molto meravigliato e sorpreso per il salto di qualita' che ho fatto in 3 soli allenamenti, il giorno prima con la MTB, che ero abbastanza cotto e con le gambe KO, avevo misurato il percorso ed era risultato di 3.7 km, cosi' ho allungato un po' e ho preso la distanza sui 4 km esatti, cosi' da avere dei punti di riferimento precisi al KM il metodo con il quale i podisti si danno la misura alla loro performance. Prima di tutto devo dire che devo assolutamente migliorare la fase di riscaldamento, con piccoli esercizi di mobilita' e sopratutto con un po' di allungamenti, purtroppo la corsa e' bellissima ma molto rischiosa per i ciclisti, sopratutto per quelli come me che hanno i tendini di cristallo, delicatissimi e fragilissimi. Ad ogni modo la sola camminata come riscaldamento non e' sufficente a preparare il fisico a questo tipo di sforzo. La sera prima avevo anche fatto un trattamento con il Galvanic SPA per aumentare il recupero, non so se sia dipeso da questo ad ogni modo ieri il vecchio percorso l' ho fatto in 22.43 ( ben 5 minuti in meno !!!!! ) e i 4 km li ho fatto in 24.20.4 che corrisponde esattamente a 6.05 al KM, peccato che non ho un cardio frequenzimetro e non so su quali frequenze abbia viaggiato ma a sensazione direi tra il medio e la soglia, 6 mintui al km corrisponde a circa 10 km/h di velocita', certo e' un tempo abbastanza modesto per un podista che scende sotto i 3 al km, ma per me in 3 soli allenamenti , con tutto il mio sovrappeso e' gia' molto anzi all' inizio mi ero prefissato di arrivare a correre in 6 minuti al km entro la fine della preparazione, ma non pensavo di arrivarci subito .... adesso dovro' subito farmi un nuovo obiettivo, ovviamente piu' ambizioso. Lo stato di grazia e' continuato a casa dove ho cominciato a "spingere" un po' di piu' anche nei lavori "domestici" a secco con:

20 addominali
10 felssioni
50 bicicpiti
15 alzate laterali
15 tricipiti

Ho modificato un po' lo schema di allenamento nel senso che prima facevo le serie complete di addominali poi recuparavo un paio di minuti per passare alle flessioni e cosi' via ... Mentre vorrei provare a fare il ciclo di esercizzi completo, fare il recupero e poi ricominciare dall' inizio, devo documentarmi su cosa comporta questo ma cosi' a sensazione mi e' sembrato che il maggior recupero applicato alla specifica zona muscolare, mi abbia permesso di aumentare il numero delle ripetizioni e questo credo sia quello che conta .......
Esempio faccio 3 serie di addominali e ne faccio 20+15+10 poi passo alle flessioni, questo vuol dire che con un recupero breve eseguo 45 ripetizioni e questo mi fa pensare da inesperto che aumenta la componente "forza", mentre nel secondo caso come ho fatto ieri, se faccio gli addominali la prima volta poi passo agli altri esercizi e ritorno all' inizio nuovamente agli addominali in "teoria" dovrei fare 20+18+15 per un totale di 53 ripetizioni e quindi aumentando il volume del mio lavoro e di conseguenza la componente "resistenza" che a me come ciclista e' quello che mi interessa. La forza la faro' piu' avanti direttamente sulla bicicletta con le SFR (sedute forza resistenza), la soglia, etc. etc. Appena ne capiro' di piu' sulle mie reazioni al lavoro di questo tipo, tornero' sull' argomento.

giovedì 19 novembre 2009

Ieri Jogging 27.50.9 Oggi 52 Km agilita'

PALESTRA FAI DA TE .....


La preparazione continua a ritmo serrato, mi sto allenando non molto, circa 1 ora e mezza al giorno ma ad intensita' elevata tra corsa a piedi, eserciz fisici e mountain bike. Sopratutto con costanza e senza intoppi, ieri nonostante i dolori muscolari terrificanti, avevo deciso di uscire lo stesso a piedi con l' intenzione di camminare ma in maniera energica e veloce. Fatto sta che dopo 15 minuti a passo veloce ho cominciato a "corricchiare" piano piano sempre piu' velocemente, chiudendo il percorso in 27:50.9 con grande stupore avendo camminato per circa meta' percorso ho fatto lo stesso tempo del primo giorno, questo mi fa pensare che all' inizio i secondi li togliero' molto facilmente, a questo punto ho un progettino in testa ma per scaramanzia non lo dico. Dopo la corsa ho fattoun routine di esercizi un po' piu' seria con addominali, flessioni, bicipiti e alzate laterali, ho fatto una sola serie per esercizio cercando di aumentare le ripetizioni, senza scompormi e senza "tirare" troppo, meglio prenderla con calma anche perche' non vorrei spaccarmi tutto il corpo e rimanere inutilizzabile tutto il resto del giorno gia' i problemi ai denti che mi porto dietro da mesi e mesi mi stanno stressando quel che basta. Oggi invece uscita in MTB solita agilita' ma stranamente in bici ero KO tecnico, le gambe tremendamente stanche e anche la testa un po' piu' scarica, forse ho tirato un po' troppo intensamente ieri o semplicemente era una giornata storta, ad ogni modo accodandomi ai Formula Inverno sono riuscito a fare 52 km in circa 1 ora e 50 minuti, sempre a oltre 110 RPM quindi direi piu' che bene e nel complesso un inizio di preparazione perfetto. Penso proprio che invece di fare 2 sttimane di agilita' con la MTB, allunghero e ne faro' 3, mi trovo bene e a parte oggi sento che sto facendo un lavoro molto ma molto importante.

martedì 17 novembre 2009

Agilita' e sofferenza

FRAME DAL VIDEO GARA PRAMAGGIORE
Grazie a Emanuele Mazzarotto per il video originale


Stamattina appena sveglio, mi sono reso conto subito dei gravi danni collaterali arrecati alle mie gambe .... dolori muscolari tremendi, per 15 minuti ho avuto problemi anche a camminare e tutto questo dolore per nemmeno 20 minuti neanche consecutivi di corsa a piedi ...... Ad ogni modo passata la mattina con seri problemi anche a salire e scendere dalla macchina, ho pensato che in bici sarei andato piano in modo da poter recuperare e massaggiare le mie povere fibre muscolari, parto e subito mi rendo conto quanto sia vero che i muscoli interessati alla corsa a piedi sono totalmente differenti da quelli della corsa in bici, infatti nessun tipo di problema sopra alla mtb. D' inverno esco con la mtb per due motivi, primo perche' la velocita' minore mi permette di patire meno il freddo, l' aria gelida dell' inverno la odio punto e basta. Secondo le ruote "grasse" hanno un attrito nettamente peggiore sull' asfalto e questo comporta una maggiore spinta sui pedali per procedere alla stessa velocita' che si avrebbe sulla bicicletta da corsa. Quindi parto piano piano a 25-26 km/h e decido che per i primi 15 minuti quella sara' la mia andatura, non avendo il conta pedalate sul computerino le pedalate me le conto io ogni 30 secondi, (ad ogni modo dopo un po' imparo a memoria la corrispondeze tra rapporto e frequenza di pedalata) ad ogni modo sorpresa delle sorprese mi accorgo che sono gia' a 96 pedalate al minuto, incredibile in soli 2 giorni ho gia' preso un bel colpo di pedale agile agile, io che di solito in piena stagione uso il 52X21/19 a 90 RPM (pedalate al minuto). Dopo circa 20 minuti nei quali faccio il riscaldamento, comincio a portarmi sui 27 km/h e comincio a superare le 100/104 RPM, per circa 20 minuti viaggio liscio come l' olio, concentrato al massimo dentro la mia testa mi ripeto freneticamente come un disco rotto, <"pedala agile, respira a fondo naso bocca, non piegare la schiena, non tirare con le braccia, spingi con i glutei e i lombari">, senza far entrare altri pensieri nella mia testa, quasi a ipnotizarmi. In questo preciso momento dell' allenamento mi rendo conto quanto importante sia la testa, in quanto dopo 50 minuti esatti comincio a sentire la fatica, la schiena comincia a piegarsi e le braccia cominciano a tirare, questo e' il momento piu' difficile, ma anche il piu' esaltante, dentro di me comincia a crescere anche una certa "cattiveria agonistica" e comincio a soffrire, e' una sofferenza strana differente da quella che si prova quando si va forte a 40 km/h al medio, dove i dolori sono quelli muscolari alle gambe, quando si fa agilita' si prova dolore e dico dolore vero, nell' interno del corpo, dentro nei polmoni nella spina dorsale e ci si sente spegnersi piano piano come una candela, ma quando si passa l' ora di sofferenza, si entra in uno stato "magico" dove ci si sente pienamente soddisfatti di cio' che si ha fatto. Tra l' altro la sensazione del tempo e' totalmente differente, nel senso che dopo 1 ora e 20 di agilita' si puo' girare la bici e andare a casa soddisfatti con la consapevolezza di aver lavorato bene. Nel dettaglio io ho continuato altri 20 minuti circa, dove ho indurito un paio di denti e ho mantenuto la velocita' per portarmi a casa stracontento con circa 45 km e convinto che se riusciro' a fare un inverno cosi' il prossimo anno ci arrivero' preparato come mai nella mia carriera. Di testa ho recuperato alla grande e anche fisicamente mi sento "nuovo di stecca" a quasi 35 anni posso dire diavere ancora l' entusiasmo di un bambino.

lunedì 16 novembre 2009

Primo allenamento Corsa a piedi in 27:47.3

Oggi dopo tantissimo tempo (anni) ho ricominciato a correre a piedi, certo che e' un esercizio che da una soddisfazione immensa, io mi considero uno sportivo a 360° e amo tutti gli sport. La corsa e' una sfida tremenda con se stessi e con la strada per certi versi piu' fisica e crudele rispetto al ciclismo dove pero' nel complesso ritengo essere uno sport piu' completo per i contenuti tecnici-tattici , ad ogni modo sentire la strada sotto i piedi da una grande carica. Come da programma faro' 3 uscite a piedi+lavoro a secco e 4 in bici con agilita' estrema in modo da metabolizzare sulla bici il lavoro e spero sopratutto di riuscire ad essere costante. Alla mattina il peso segnava 77.5 kg quindi 4 etti li avrei persi subito nel primo allenamento, spero di riuscire contemporaneamente a controllare il peso, sarebbe l' ideale, allenarmi bene e riuscire a dimagrire. Ad oggi modo tornando ad oggi, non so esattamente quanti km ho fatto ad ogni modo c'e' un percorso su una pista ciclabile credo saranno 4 km scarsi, totalmente illuminato e molto sicuro, ideale anche per allenamenti serali (notturni). Appena partito, diciamo i primi 200/300 metri, mi sono sentito veramente bene, praticamente avevo un passo elastico e veloce, per un po' ho addirittura pensato che sarei andato a fare qualche corsa campestre ...... Mai pensiero fu piu' sbagliato, dopo 500 metri i quadricipiti hanno cominciato ad indurirsi in maniera allucinante, il fiato era ottimo non mi sentivo in affanno, il problema e' stato proprio di tipo muscolare, ho preferito, fermarmi e cominciare a camminare in modo da evitare spiacevoli traumi tendinei. Passato il dolore ai muscoli ho ricominciato a "corsicchiare" piano piano e devo dire che il passo e' rimasto abbastanza costante, fino a meta' percorso, quando ho dovuto rifermarmi ancora perche' totalmente scoppiato, fino all' ultimo km quando ho ripreso a correre e devo essere sincero ho pure corso abbastanza veloce, nonostante il dolore abbastanza forte alle gambe. Alla fine il giro l' ho fatto in 27:47.3 tempo solo indicativo per verificare i futuri progressi. A casa ero rotto ma ho provato lo stesso a fare una serie di addominali, flessioni, bicipiti e spalle, solo per riadattare il mio fisico all' attivita' a secco. Tutto sommato ho lavorato poco piu' di un' ora sono giustamete spaccato ma un punto di partenza ci vuole adesso la costanza sara' la vera sfida.

domenica 15 novembre 2009

Si ricomincia FASE 1 AGILITA'

Dopo 15 giorni di "svaccamento" totale da oggi comincia il programma "serio" per quanto riguarda il 2010, in questi 15 giorni ho messo su ben 3 kg, ma credo siano quasi fisiologici per un atleta che si ferma quasi del tutto, ad ogni modo la mia personale battaglia con la bilancia ricomincia, questa mattina che considero il giorno UNO in tutti i sensi, il peso e' stato di 77.9 Kg per un momento aveva segnato 78 e mi ero spaventato, ma fortunatamente poi sono scattati i 77.9 e psicologicamente mi sono sentito molto meglio ..... Il programma prevede 8 allenamenti da 2 ore in agilita' in pratica 2 ore a seduta con il 39x19 a 27/28 con un ritmo di 105/110 pedalate al minuto. La prima settimana spero di riuscire a tenere l' agilita' per almeno 1 ora, in quanto non e' assolutamente facile tenere prima di tutto la concentrazione, per questo tipo di esercizio. La prima uscita e' stata quasi divertente, ma mi sono reso conto subito che non e' uno scherzo e sinceramente avere un programma chiaro e serio, mi ha aiutato da subito ad entrare nella giusta mentalita' da atleta. Come detto al primo allenamento ho resistito "bene" 45 minuti nei quali sono stato molto concentrato, prima di tutto sul gesto atletico, dove la coordinazione deve essere massima per evitare di assumere una posizione in bici sbagliata e che il gesto atletico non sia performante e lineare. Questo evita principalmente problemi tendinei e il classico dolorino ai lombari/zona renale e ai muscoli dorsali che non sono assolutamente abituati (aggiungo purtroppo) a questo tipo di allenamento. Ad ogni modo dopo 50 minuti mi sono reso conto che per mantenere la pedalata, ho cominciato a tirare con le braccia e a curvare la schiena, cosi' ho mollato 2-3 minuti per per recuperare e subito dopo ho ricominciato a "rullare" di brutto, altro probblemino poi la testa dopo 1 oretta cominciava ad andare per i cavoli suoi con i pensieri, mentre e' fondamentale rimanere concentrati su quello che si sta' facendo, in modo da controllare costantemente le pedalate, ma sopratutto la respirazione profonda e coordinata, inspirazione lunga per il naso e fuori con la bocca, facendo cosi' si ha un potenziamento dell' apparato respiratorio (spirotiger fai da te) e sopratutto inspirando con il naso, questo fa da filtro e si evitano spiacevoli inconvenienti dovuti all' aria fredda. Contemporaneamente all' inizio del periodo di agilita', ricomincero' anche il lavoro a secco che tanto bene mi ha fatto quest' estate, lavoro che spero di poter portare avanti per almeno 2 mesi per 3 volte alla settimana, per un totale di 7 allenamenti totali a settimana, 4 in bici e 3 di "palestra", questo almeno sulla carta lavoro, famiglia,tempo permettendo, ma conoscendomi so che se devo farlo a costo di mettermi in garage alle 10 di sera il lavoro sara' fatto.

sabato 14 novembre 2009

Sito online italianjet.nsedreams.com

www.italianjet.nsedreams.com

Con molto piacere posso dare la notizia della pubblicazione del mio nuovo sito www.italianjet.nsedreams.com piano piano adesso verra' aggiornato con tutti i prodotti disponibili nel catalogo e sara' facile per tutti fare gli ordini direttamente online. Per tutti gli altri rimangono le solite condizioni di consegna, mentre per chi e' lontano e vuole fare gli ordini online, e' molto semplice si paga comodamente con carta di credito e la merce arriva velocemente con il corriere Ups a casa senza costi aggiuntivi. Oltre a tutti gli integratori Pharmanex, nel sito sono presenti anche i prodotti per il corpo della Nuskin, linea uomo ma sopratutto linea donna, quindi anche interessanti idee regalo per le signore. Se trovate degli errori o dei bug vi prego di segnalarmeli in modo da apportare le giuste correzioni, la mail diretta del sito e' italianjet @ nsedreams . com ma preferisco finche' non saro' abituato ad usarla che la corrispondenza sia sempre tramite la mail di questo blog in quanto viene controllata praticamente in tempo reale: italianjet @ gmail . com. In alto sulla destra comunque rimarra' il banner con il link diretto al sito, anche se per una piu' facile navigazione vi consiglio di entrare direttamente dal dominio www.italianjet.nsedream.com .

giovedì 12 novembre 2009

Video su GALVANIC spa II

VIDEO DIMOSTRATIVO GALVANIC SPA II

video

Galvanic Spa System II e Ageloc di Nu Skin Enterprises
Ora anche in Italia. Per una bellezza senza tempo. Porta le terme a casa vostra. Galvanic Spa SYstem II, ha vinto il 24 febbraio 2008. Best of Show a Los Angeles Medical Resort Spa Expo. Quante persone sognano di poter fare dei trattamenti termali ma non trovano il tempo.Se vi dicessero che si possono fare nel confort della propria abitazione? Ora il sogno diventa realtà con il GALVANIC SPA SYSTEM II, pratico e dai risultati rigeneranti assicurati,.si possono ottenere gli stessi risultati professionali nel confort della vostra casa, senza che siano necessari appuntamenti.Date alla vostra pelle la sensazione tipica di una cura regolare con trattamenti avanzati dei centri termali.I trattamenti galvanici contribuiscono a ringiovanire la carnagione, ad ammorbidire le rughe, a rivitalizzare il cuoio capelluto e il corpo.Piccolo, ingegnoso e potente, con dispositivo brevettato per la regolazione automatica delle correnti galvaniche e conduttori intercambiabili ( per il volto, il corpo e aree specifiche), Tutti si domanderanno dove trovate il tempo di curare la vostra carnagione luminosa, i vostri capelli sani e il vostro aspetto più tonificato. I trattamenti che durano cinque minuti o più possono migliorare la distribuzione di ingredienti chiave fino à 24 ore. Conduttore per il volto facilita la pulizia in profondità e rende la pella del volto liscia, morbida e ringiovanita. Conduttore per il cuoio capelluto simile a un pettine, scivola facilmente fra i capelli e mantiene il contatto con il cuoio capelluto e i follicoli. Conduttore per il corpo questi tre conduttori di forma rotonda aumentano al massimo il contatto con la superficie per una migliore copertura e un massaggio più efficace. Conduttore per un'aera specifica questo conduttore piatto, liscio e di forma ovale, è ideale per agire su piccole aree, per esempio intorno agli occhi e alla bocca, Batterie sostituibili Non occorrono più fili, adattatori o prese elettriche. Polarità selezionabile dall'utente. Consente di usare un maggior numero di prodotti in combinazione. Funzione di programmazione flessibile. É adatta per una vasta gamma di applicazioni. Trattamenti per il volto, il cuoio capelluto, il corpo e aree specifiche. Punti di contatti manuali di facile uso. Le mani assumono una posizione naturale e comoda. Il sistema si regola automaticamente in base al tipo di pelle. Fornisce la quantità giusta di corrente per il trattamento più efficace.

Per qualsiasi informazione italianjet @ gmail . com

Formula inverno ancora spettatore

ARRIVO Formula Inverno I° Bepi Albanese

video

Incredibile a Musestre vince Bepi Albanese, aprofittando della mia inattivita' sono andato a vedere e a filmare l' arrivo del gran Premio F1 speciale Edizione Inverno, a sorpresa vince Bepi e dopo una fuga a 3 in compagnia del compagno di colori Pietro giornata abbastanza tranquilla e finalmente ritmo piu' umano hanno permesso a molti di salvare la gamba per il finale. Dietro il gruppo abbastanza tranquillo per una perfetta giornata di allenamento a meta' novembre. Giornata piu' che gradevole, fredda ma soleggiata ideale per una sgambata invernale. Io dopo 15 giorni di quasi stop dovrei ricominciare nel fine settimana piano piano con i rapportini agili. Certo che questo periodo di "ferie ciclistiche" me lo sto proprio godendo e con la MTB si posso vedere molte cose nella natura.
GRUPPO DI GATTONI A Ca' Tron


mercoledì 11 novembre 2009

Formula inverno , spettatore

Oggi e' uscito dopo parecchio tempo un splendido sole, caldo e secco tipico dell' inverno. Impossibile resistere cosi' nonostante avessi deciso di fare riposo assoluto, ho preso la mia mtb e in totale passeggiata (andatura tra i 18 e 24 km/h) sono andato sul percorso della F1 per vedere i miei amici "sbattagliarsi" a tutta manetta come fosse piena stagione. Alla partenza oltre 30 corridori pronti a sfidarsi nella fredda pianura padana, attaraverso i rettilinei delle varie localita' Veneziane, Dese, San Liberale, Ca' Tron, Fossalta, Meolo e arrivo finale a Musestre. In localita' Fossalta, c'e' stata il forcing di Vaccaroni che ha portato via un primo gruppetto di fuggitivi comprendente i migliori reduci dalle gare, Pietro, Camillo Alvaro, in totale 6 di quelli forti, questi poi si sono disputati la vittoria a Musestre, ma non so chi abbia vinto in quanto, quando ho provato a mettermi sulle loro ruote e vedendo che la velocita' era attorno ai 46-48 Km/h ho ben preferito mollare visto che con la MTB era una fatica bestiale stare dietro a questi treni, cosi' mi sono accodato dietro dove il grppo e' praticamente esploso in 4-5 gruppetti da 6-7 corridori l' uno, tutti ad inseguirsi e corrersi dietro. Nelle retrovie ho trovato Beppi e Giuliano ad andatura piu' umana sui 36-38 km/h e probabilmente piu' consona al periodo, questi giustamente hanno commentato che a Novembre e' assolutamente inutile e io concordo con loro, andare a blocco dall' inizio come fosse piena stagione, ma questa e' la dura legge della F1 che prevede la massima velocita' a 365 giorni l' anno senza mai mollare ...... Io come da programma per un bel mesetto faro' tanto tanto riposo, perche' le energie preziose mi serviranno piu' avanti alle gare, per adesso lascio la testa della corsa ad altri amici ...... Io alla fine circa 1 oretta con 20 km di puro rilassamento, mi sono goduto la giornata e anche la passeggiata da vero cicloamatore.

I PRIMI FUGGITIVI AL TRAGUARDO VOLANTE DI SPERCENIGO

video

GRUPPI ALL' INSEGUIMENTO IN ZONA FIANDRE

video

lunedì 9 novembre 2009

Riposo, riposo e ancora riposo

IL CESTONE PER IL VINCITORE


Sono passati due giorni dalla vittoria di Pramaggiore e finalmente comincio a metabolizzare le emozioni e tutta la confusione che mi e' rimasta in testa dopo la gara, prima di tutto ringrazio gli amici che mi hanno chiamato, messaggiato, scritto email, postato nei forum e tutti gli altri i modi con i quali mi hanno fatto i complimenti. Voglio ringraziare tutti indistintamente senza fare torto a nessuno, spero la mia sia una cosa eccezzionale ottenuta pero' da una persona normale, con valori normali, che si allena normalmente e che sia da stimolo per tutte le persone serie di sani principi che con poco allenamento e correndo a pane e acqua sappiano che si puo' arrivare a vincere. Il fatto di aver corso tanto e di aver perso tanto da ancora piu' valore a questa mia unica vittoria e la rende unica per me, se ne avessi vinte 20-30 probabilmente non saprei nemmeno aprezzarle e lo considerei normale vincere, per fortuna invece per me correre in bicicletta e' ancora una cosa speciale. Questo risultato non cambiera' il mio modo di pensare e di vedere le cose, prima di questa gara mi ero stancato di fare "solo" circuiti e cosi' rimarra' il programma per il prossimo anno, quindi si circuiti nella prima parte della stagione, per poi fare un ciclismo piu' divertente durante l' estate con nuove esperienze nel mondo delle GranFondo e della MTB per poi riconcludere la stagione con i circuiti. Prima della gara di Pramaggiore ero rimasto fermo totalmente e cosi' continuero' a rimanere a TOTALE riposo per i prossimi giorni, il mio programma prevede che la forma vada giu' e anche di parecchio se possibile, in modo da riequilibrare tutti i miei valori ormonali e sopratutto per ricarica la testa che ne ha tanto bisogno. Nei prossimi giorni stilero' un programma di massima per il 2010 perche' con la giusta programmazione sara' anche piu' facile gestire i picchi di forma e i vari programmi di allenamento, sopratutto partendo dai test funzionali. Verso finenovembre comincero' con il classico Test Conconi, per poi fare un periodo di agilita' e di ricondizionamento, aggiungo che quest' inverno ne aprofittero' per fare quel lavoro a secco che tanto bene mi ha fatto quest' estate e da gennaio faro' tanto lavoro specifico di qualita' con un programma preciso grazie a questo 2009 che mi ha permesso di capire molte cose di me stesso e quali sono i migliori allenamenti da fare.

IO e AUGUSTA CON LA MAGLIA DI CAMPIONE PADANO
i SUPER G ATTILIO e GIOVANNI amici DELLA F1

CHIAROLLA VINCITORE DELLA CATEGORIA VETERANI


sabato 7 novembre 2009

Gara Pramaggiore VITTORIA


Finalmente ho VINTO, dopo 12 anni dalla mia ultima vittoria, sono primo assoluto e in fuga da solo, dietro di me, secondo il campione del mondo, il massimo dei massimi. Non ho molte parole per descrivere come mi sento, per vari motivi l' ultimo periodo e' stato molto difficile per me, questa vittoria me la sono goduta al massimo e un po' dentro di me dico che me la meritavo per tutto quello che ho lavorato quest' anno, allenamenti, ripetute, sono sempre stato serio e alla fine tutto quello che seminato ha dato i suoi frutti. Certo per parlare di oggi devo partire dall' inizio, dalla settimana senza nemmeno vedere la bicicletta, alla partenza avevo ben chiaro in testa cosa avrei fatto, in quanto avendo fatto ZERO km di allenamento durante la settimana, sicuramente avrei avuto dolori muscolari dovuti all' inattivita' totale. Probabilmente gli integratori che sto prendendo di sicuro mi hanno aiutato tantissimo a mantenere i miei valori alti, per la cronaca prima della gara ho preso un OVERdrive, ma sta di fatto che parlando con il mio amico Radames prima della partenza, scherzando ho detto che ero com un "usato sicuro a Km 0". Oggi la corsa era anche valida per il Campionato Padano, quindi lo dico sottovoce sono anche il nuovo Campione Padano della categoria Senior, per quanto possa valere questa cosa e' sempre una soddisfazione in piu'. In tutto eravamo circa 70 corridori, suddivisi nelle 3 categorie UDACE, Junior, Senior e Veterani, il circuito super collaudato di Pramaggiore di circa 7 km da ripetere 9 volte, pronti via e subito a blocco, andatura sempre sui 50 km/h, io i primi giri ho veramente sofferto molto, sopratutto nei rilanci dopo le curve sentivo le gambe durissime, qui ho rischiato perche' sono sempe stato in fondo al gruppo cercando di salvare la gamba con un rapportino agile ma se fosse andata via una fuga, non avrei mai provato ad andargli dietro. Ad un certo punto della gara un ragazzo mi ha chiesto come mai fossi cosi' indietro a fondo gruppo e io in quel momento senza pensarci gli ho risposto, "oggi ho una sola cartuccia, la devo sparare al momento giusto" sembrava me lo sentissi ..... Ritornando alla gara fortunatamente l' andatura era talmente alta che andare in fuga era veramente difficile, cosi' io dietro giro dopo giro sentivo di sentirmi sempre meglio, fino a quando a 2 giri dalla fine mi sono portato sulle prime posizioni pronto a sprare la mia cartuccia. Qui ho risolto la gara in 2 mosse tattiche perfette, quei momenti nel quali tutto riesce facile e ci si trova sempre al momento giusto nel posto giusto, ma grazie anche ad una grossa potenza che ho avuto negli ultimi km. Prima dell' ultimo giro se ne vanno in 4 (Bottaro, Chiarolla, Munerotto e un' altro che non ricordo) praticamente gente che se prende 100 metri li rivedi dopo la gara, cosi' senza pensarci parto tutto solo dal gruppo e con un gran numero li vado a riprendere da solo, al suono della campana siamo in 5, pero' non con molto vantaggio, da dietro i big cercano di venire a chiudere, noi davanti pero' andiamo molto forte sui 50 km/h e solo qualche gruppetto alla spicciolata riesce a chiudere su di noi fino a formare una fuga di circa 15 uomini. Arriviamo a 2-3 km dall' arrivo, quando un atleta dello Zero-Meno riesce a scappare, dietro c'e' un po' di controllo tattico, il classico vai tu che vado io, ma vedo anche che molta gente non ne ha piu' ed e' a tutta, cosi' senza pensarci due volte decido di muovermi personalmente. Parto di botto come se fossi all' arrivo con il massimo rapporto e in poco tempo mi riporto sul fuggitivo, mi giro e vedo che riesco ad allungare, mi rendo conto che il primo sta esaurendo le energie cosi' mi sposto sull' altro lato della strada e tiro dritto con il 52x12 a 52 km/h, questo non riesce a tenermi la ruota e si stacca, cosi' dentro di me comincio a pensare "adesso se vogliono venirmi a predere devono andare a 60 perche' io non mollo". Il momento piu' drammatico arriva all' ultima curva a circa 500 metri dall' arrivo, so che devo farla forte e poi rilanciarmi, ma sono gia' a piu' che tutta e le gambe mi fanno malissimo, cosi' butto giu' un dente e alzandomi sui pedali cerco di fare forza anche con il mio peso. Fortunatamene ho ancora tanta forza e tengo la velocita' alta cosi' dietro non riescono piu' a prendermi e arrivo tutto solo con 50 metri di vantaggio finalmente PRIMO assoluto.


RADAMES ALLA PARTENZA


IL MIO AMICO FRANCESCO DEL FORUM BDC

IO PER LA GIOIA DEL MIO TEAM MANAGER "FabioFGS"

RADAMES DURANTE IL RISCALDAMENTO
a forza di fotografarlo molti pensano il forum sia lui a scriverlo :O))))

I MIEI AMICI DOPO LA GARA
da sx, "Ramaz", Ricky, io, Radames, e "Zeotino"

ORDINE DI ARRIVO VETERANI


ORDINE DI ARRIVO SUPERb

ORDINE DI ARRIVO SUPER G

ORDINE DI ARRIVO JUNIOR

ORDINE DI ARRIVO DONNE
(grande Augusta anche lei della f1)


ORDINE DI ARRIVO GENTLEMAN

ORDINE DI ARRIVO SENIOR

TUTTI I NUOVI CAMPIONI PADANI

TUTTI I PREMI VINTI

1 pianta di fiori, una mega cesta con prodotti di ottima qualita',
la maglia di campione padano e il cappello,
e sopratutto un fermacarte di MURANO firmato.

IL FERMACARTE DI MURANO


venerdì 6 novembre 2009

Ritorno in Italia "forse" ultima gara 2009

VOLANTINO GARA PRAMAGGIORE

Ok, il mio soggirono lavorativo in Romania si appresta a finire, ho imparato tantissime cose, molto interessanti, ho potuto provare molti prodotti e sopratutto delle nuove tecnologie applicate al benessere che comunque resteranno una bellissima esperienza. La gente e' stata stupenda e il team di lavoro e' stato fantastico, organizzato e professionale al massimo. Domani meteo permettendo e ovviamente stanchezza post viaggio permettendo andro' a fare l' ultima gara su strada del 2009, purtroppo non ho mai potuto allenarmi nemmeno 1 km, quindi "se" andro' a correre sara' la prima volta che mi presentero' ad una gara con 0 ZERO km di allenamento, credo anche questa sara' una nuova esperienza, certo con zero km non ci saranno molte tattiche, se non limare, limare e ancora limare le ruote e andare al risparmio al 100% sperando non ci sia piu' di tanto vento. Il circuito di Pramaggiore non e' durissimo anzi e' molto scorrevole e piacevole, discretamente tecnico, quindi non essendoci rilanci violenti, non dovrei soffrire piu' di tanto le accellerazioni, il problema probabilmente sara' il ritmo e la distanza che si annuncia di ben 70 km .... Domani sperimentero' anche il nuovo strumento GALVANIC spa, prima della gara usero' il trattamento galvanico energecizzante con un bel massaggio muscolare, sperando mi dia quei watt mancanti che mi permettano di non soffrire piu' di tanto.

MENU' DIETETICO IDEALE PER CICLISTA CHE NON SI ALLENA
Mammaliga cu sunca:
Piatto semplice di polenta con grana e prosciutto
(carboidrati e proteine pochi grassi) :O))))))

CARNE DE PUI CU CARTOF FRAGIT

Petto di pollo alla brace con patatine fritte

(proteine e carboidrati)


QUESTO E' CHIARAMENTE IL MIO PIATTO PREFERITO
CASPANE' LA GRATAR CU CARTOF FRAGIT
(formaggio fritto con patate fritte)
classico spaccafegato buonissimo consiglio di annaffiarlo con
abbondante birra per avere un giusto apporto di sali minerali e malto
:O))))))))))

Per fortuna non ho piu' la bilancio ma se in questa settimana non ho preso almeno 2 kg vuol dire che sono un vero dilettante della tavola .......

giovedì 5 novembre 2009

Recupero muscolare con GALVANIC spa II

Nel mio soggiorno in Romania, ho scoperto una novita' molto interessante, riguardante l' automassaggio e la possibilita' di velocizzare il recupero con un trattamento di corrente galvanica sulla muscolatura. Lo strumento ha un brevetto mondiale esclusivo, questo significa che nessun' altra azienda al mondo puo' utilizzare questa innovativa tecnologia, si chiama GALVANIC spa II in quanto e' la seconda generazione del prodotto, lo strumento e' molto semplice quanto efficace, praticamente combinando lo specifico gel massaggio, che va applicato con una leggera frizione sulla muscolatura e la corrente galvanica, con un trattamento di soli 5 minuti, si da uno stimolo che puo' arrivare a durare ben 24 ore. L' uso delle correnti galvaniche non e' una novita', ci sono moltissimi centri termali che utilizzano questo sistema, quello che trovo interessante e' la possibilita' di poterlo portare sempre con se ed utilizzarlo in qualsisi momento della giornata diciamo una specie di elettrostimolatore molto piu' economico e sopratutto con un utilizzo estremamente piu' comodo e meno invasivo. Lo strumento funziona a batterie ricaricabili, quindi si puo' trasportare molto facilmente e' grande poco piu' di un cellulare e si puo' fare tra i tantissimi usi anche un veloce trattamento pre gara da combinare con il classico massaggio in modo da avere una stimolazione extra grazie anche alla testina intercambiale a 3 nodi rotondi per l' utilizzo specifico. Ci sono varie funzionalita' in quanto viene combinata la forza della energia galvanica, per esempio se si vuole aumentare il recupero post allenamento, si setta lo strumento su la polarita negativa e questo aumentera' l' espulsione delle tossine tramite la traspirazione della pelle, con l' effetto di una calamita che attrae a se le scorie prodotte dall' allenamento. Mentre se si vuole un trattamento energecizzante bastera' settare lo strumento sulla polarita' positiva e con la combinazione dell' apposito body gel a base di Theobromina, si avra' l' effetto di potenziare l' energia della nostra muscolatura. Tra le altre cose ho saputo che questo strumento e' utilizzato durante il Tour de France da un certo signor Lance Armstrong che ne e' anche uno dei testimonial mondiali. La confezione base ha un prezzo di circa 380 euro e comprende anche una confezione di specifico gel corpo. Come sempre chi fosse interessato puo' scrivermi alla solita mail italianjet @ gmail . com per avere qualsiasi informazione sull' acquisto.

mercoledì 4 novembre 2009

Viaggio in Romania trovato Red Bull Shot

Questa settimana mi trovo a Cluj Napoca in Romania nella capitale della Transilvania, purtroppo senza bicicletta, dico purtroppo perche' qui il territorio e' favoloso ideale per il ciclismo e la MTB, tutto saliscendi, la pianura non esiste ci sono colline dolci che salgono e scendono continuatamente, le pendenze in questa zona sono raramente cattive oltre il 10%, quindi ideali per me che amo salire piu' di forza che di agilita'. Io ho un percorso predefinito nel quale mi alleno, parto da casa e percorro una strada molto buona e larga per circa 35 km dove si sale continuatamente, e la gamba deve spingere sempre, arrivato al punto piu' alto in localita Mica, torno indietro con la strada in leggera discesa posso fare un ottimo lavoro di agilita' a casa arrivo a fare 70 km perfetti. Ad ogni modo non ho portato con me la bicicletta pertanto questa settimana ne aprofittero' per finire la mia stagione, solo un miracolo potrebbe vedermi alla partenza alla gara di sabato a Pramaggiore. Ad ogni modo per strada in Slovenia ho trovato una cosa molto interessante, molti ciclisti usano bere prima della gara, una bibita energetica che si chiama Red Bull, questa bevanda e' un concentrato di sostanze stimolanti quali la caffeina, la taurina e la vitamina b12, una lattina di red bull oltre ad avere molti zuccheri, apporta una quantita' simile a circa 3 caffe' con una concentrazione di 32 mg per 100 ml, cosi' leggo cosa e' riportato sulla lattina. Questa bevanda non la uso piu' perche' anche se era un buon energetico, mi portava degli effetti poco piacevoli, prima di tutto prima della gara dovevo fare la pipi' in continuazione, secondo la prima ora di gara sentivo la bevanda gonfia nello stomaco e alla fine la sera mi rimaneva un gran mal di testa e facevo pure fatica a dormire. Questi sono i motivi per i quali ho preferito indirizzarmi su degli energetici in capsule come l' OVERdrive che non hanno tutte questi effetti invasivi collaterali. Ma tornando al discorso iniziale ho trovato una confezione "speciale" che si chiama RED BULL SHOT, non l' ho mai vista in Italia non so nemmeno se sia consentita, ad ogni modo , si presenta come una mini bottiglietta microdose, da soli 60 ml, solo che contiene una quantita' spaventosa di caffeina, 133 mg per 100 ml quindi 4 volte piu' potente del classico red bull e consiglia nella confezione di fare attivita' fisica dopo l' assunzione, certo dopo aver preso una dose smisurata di caffeina, credo sia molto difficile dormire .....


QUESTO e' IL VIDEO di presentazione DELLA MARATON MTB di CLUJ NAPOCA

La corsa si svolge generalmente in settembre. Qui la MTB e' molto ben sviluppata si organizzano molte gare nello stile delle nostre granfondo, con una grande partecipazione e una ottima organizazzione, nelle piu' importanti zone montuose, il territorio incontaminato permette di spaziare liberamente nella natura rendendo la corsa assolutamente indimenticabile.




martedì 3 novembre 2009

Provato G3 multivitaminico


La cosa che mi piace di piu' in assoluto del fatto di aver preso in mano questa ditta di integratori e' la possibilita' di provarli TUTTI vantaggio non da poco sopratutto quando si ha a che fare con prodotti di altissima qualita. Oggi ne aprofittero' per parlare della mia ultima scoperta. Da soli 2 giorni sto assumendo un prodotto che trovo assolutamente meraviglioso e che e' facilmente combinabile conl' OVERdrive l' energetico, il G3 e' fondamentalmente una bevanda, che ha un costo di circa 80 euro e viene fornita in 2 bottiglie da 750 Ml di prodotto puro che possono essere prese con regolarita' da tutta la famiglia. G3 e' in pratica un super mega concentrato di frutti esotici provenienti da ogni parte del pianeta, la migliore qualita' di frutta per ogni continente, concentrata in un unico prodotto. Si prende alla mattina appena svegliati quando il corpo ha la massima ricettivita' verso gli integratori, un piccolissimo bicchierino da 50/70 ml, ha un gusto particolare esotico, ma molto buono dolce da frutta. Questo prodotto oltre ad ovviamente sopperire tutte le carenze vitaminiche dovute allo stress della vita quotidiana, e' chiaramente ideale per chi come me si allena con regolarita; e perde gran parte delle vitamine attraverso la sudorazione. L' abbiamo preso sia io che mia moglie, lei non fa sport ma l' ha trovato ugalmente molto valido e appena bevuto ne e' rimasta fortemente impressionata positivamente. La ditta lo consiglia anche ai bambini che generalmente non hanno tanta voglia di mangiare ne frutta ne verdura, ma presentandosi sotto forma di succo di frutta, diventa molto facile farlo gradire. Chiramente essendo un concentrato non va mai abbusato e mai si sconsiglia di assumerne quantita' superiori alla dose consigliata.

LA CONFEZIONE negli USA
(in Italia non sono ancora disponibili le barrette ... noi veniamo sempre dopo ....)










domenica 1 novembre 2009

Gara Buso (Ro) 9° Classificato

Oggi torno a casa da Buso di Rovigo veramente soddisfatto sia per le sensazioni avute in corsa ma anche per il risultato ottenuto. Parto da Marcon in compagnia del mio amico Pietro e in due ci facciamo un bel viaggio piacevole in tutto relax, con molte chiacchere. Arrivati a Rovigo, sappiamo gia' che oggi correremo assieme in quanto la gara e' per le 3 categorie Junior, Senior (io) e Veterani (Pietro). Le gare di fine anno sono molto particolari, in quanto alla partenza si presenta quasi esclusivamente corridori di altissimo livello, dove magari se si parte in 10 si rischia di arrivare 11 ... Ad ogni modo il circuito si presenta di circa 5 km da ripetere 10 volte, su e giu' per gli argini di un canale con 2 inversioni a U, abbastanza duro per via del vento ma sopratutto dell' asfalto non propriamente perfetto con parecchie buche a rallentare la marcia dei corridori. Alla partenza circa 70 corridori con moltissime facce note che si leggono sugli ordini di arrivo di molte Granfondo nazionali, provenienti da tutto il nord Italia. Io tutto sommato gli ultimi giorni mi sono sempre sentito bello pimpante quindi nonostante il livello della gara sia elevato, parto convinto di poter fare bene, difatti pronti via e partenza a blocco, senza mai un minimo rallentamento, a circa meta' gara riesco ad andare in fuga con altri 7/8 corridori, siamo a tutta e per un attimo credo sia la fuga buona, ma dietro non molla nessuno, troppa gente forte e dopo poco ci vengono a prendere. Da qui fino a 2 giri dalla fine resto leteralmente in coma e causa le due inversioni a U con relativo rilancio faccio una fatica bestiale per recuperare, ma a 2 giri dalla fine riesco di nuovo a risalire cio' che rimane del gruppo e tento una nuova fuga, questa volta veniamo purtroppo ripresi al suono della campana. Sto quasi per mollre visto che sono ben cotto e si prospetta una volata generale che non ho intenzione di disputare, quando parte come una meteorite Davide Benedetto del team FRW Matteoni con un corridore credo della Pennelli Cinghiale che non ho riconosciuto, dietro il gruppo viene messo in riga dagi uomini dell' Arka e da quelli del Team Adige, questi fanno un ritmo cosi' indiavolato che diventa dura anche solo tenere le ruote. Qui faccio un mezzo miracolo, nonostante sia gia' a blocco, riesco a tenere le ruote e senza rischiare rimaniamo lunghi tutti in una lunga riga. Purtroppo a 300 metri inghiottiamo i 2 fuggitivi, il gruppetto si apre creando un po' di caos e qui perdo l' attimo prendendo una brutta sbandata che mi fa desistere dal fare la volata proprio quando sarei stato pronto per fare un grosso risultato, ad ogni modo davanti siamo rimasti in pochi e cosi' chiudo ultimo del gruppetto 18 assoluto e 9° di categoria per il mio 25° piazzamento dell' anno, meglio di cosi' non petava andare.


DATI DEL MIO POLAR:
Tempo: 1:04.27
Distanza: 47.9 Km
Velocita' media: 44.5 Km/h
Velocita' massima: 55.9 Km/h

LA MACCHINA STRACARICA

PIETRO PREPARA LA PRESSIONE DELLE RUOTE

LA MITICA MAGLIA DEL MARCON


ORDINE DI ARRIVO CATEGORIA VETERANI

ORDINE DI ARRIVO CATEGORIA JUNIOR


ORDINE DI ARRIVO CATEGORIA SENIOR


IL PACCO PREMIO