giovedì 31 dicembre 2009

Buona fine e Buon 2010

SPERO CHE IL VOSTRO GATTO
ABBIA UN ALTRO POSTO DOVE FARSI LE UNGHIE :O)))


Per concludere degnamente questo 2009 oggi pioggia, brutto tempo e umido, proprio la giornata conclusiva di un anno di c.... se tutto va bene oggi rulli se no niente ne riparliamo il prossimo anno ... sperando che il buongiorno si veda dal mattino.

COPERTONCINO DEFORMATO

video

Ecco il video di spiegazione su cosa intendevo per copertoncino deformato, da notare che il cerchio e' perfetto e non e' una ruota con problema di raggi rotti, ma solo la deformazione della carcassa del copertoncino. Io credo che il problema sia dvuto principalmente alle condizioni meteo, cioe' il freddo, se pensiamo a come sono ridotte le strade (a pezzi) dopo le nevicate, possiamo ben capire la sollecitazione che puo' avere un copertoncino. In piu' poi c'e' da dire che con questo ne ho fatte di km ..... parecchi. Chiudo augurando a tutti un buon fine anno, certo non e' piu' quella festa ",magica" di quando si aveva 15-16 anni e per la prima volta si festeggiava fino a tardi con gli amici magari in qualche casa privata, ma rimane comunque un punto importante della vita da adulti, si chiude una stagione si tirano le somme su come e' andata e si comincia a fare progetti per il nuovo anno. Io non so cosa mi aspettara' nel 2010, ma per me come pertutti spero sia un anno meno tribolato diciamo dal punto di vista economico, dove ci sia una ripresa, che io oserei dire morale dove i sani principi abbiano la meglio e dove il buon senso possa condurre le persone ne giusto cammino. Per festeggiare il 2010 posso "consigliarvi" qualche "piccolo" prodotto ........

PER CHI HA SETE E VUOLE FESTEGGIARE CON UNA BIBITA ALTERNATIVA


PER CHI HA BISOGNO DI AMORE UN PEZZETTINO DI CIOCCOLATA

E PER GLI AMANTI DELLA NUTELLA


Auguri di un felice e fortunato 2010 .....

mercoledì 30 dicembre 2009

Watt si cambia sistema

Oramai era solo questione di tempo, ero arrivato il punto di capire che dovevo cambiare qualche cosa nella mia tecnica di allenamento e nei programmi. Il giorno e' arrivato, da oggi i battiti cardiaci passano in secondo piano e il metro di riferimento per le ripetute al simulatore sono i Watt, chiaro che quando usciro' su strada non avendo uno strumento per la misurazione della potenza, continuero' a fare riferimento alla frequenza cardiaca. Ad ogni modo non e' stato un percorso facile, ma alla fine ci sono arrivato grazie all' allenamento a secco, e ad alzare pesi nell' umido del mio garage posso dire di essermi schiarito le idee. Queste cose si capiscono solo provando e riprovando, sperimentando e testando, ma sempre e solo grazie ad una misurazione professionale e precisa si arriva a capire cosa e quanto ci puo' portare a migliorare realmente. Il vecchio detto "allenarsi a sensazione" per me non esiste e non ha nessun valore. Quando ho cominciato a fare addominali, la prima volta ne ho fatti 10 e ho avuto dolori per una settimana, poi piano piano nel tempo sono arrivato a farne oltre 100 senza doverci per forza morire, ho provato su me stesso cosa voleva dire avere piu' forza, e migliorarsi. Poi sono salito in bicicletta e ho visto che andavo a X km-h e volevo andare piu' forte ..... Ma come riuscirci, prima cosa e' evidente che si deve misurare il proprio motore, cioe' capire quanto si puo' andare, un po' come contare gli addominali, la cosa piu' facile e alla portata e' stato quello di fare il vecchio ma pur sempre buono test Conconi, da questo ho ricavato che potevo fare delle ripetute brevi a circa 250 Watt, all' inizio e' chiaro che dovro' capire quante e quali saranno le migliori ripetute per aumentare la mia potenza, ma gia' una idea precisa me la sono fatta. Quindi partendo come base da 250 Watt il programma che mi sono imposto questa mattina e' stato di fare 3 minuti a 250 Watt e 7 minuti di recupero a 130 Watt che sarebbe il mio fondo lungo (ex 130 battiti per capirci). Alla fine ne e' venuto fuori uno schema molto interessante, e il prossimo obiettivo per il mio allenamento sara' quello di aumentare i Watt .... facile a dirsi ma tutto da verificare. Potrei pensare di inserire come per il lavoro a secco 2 sessioni similari, una di aumento e una di mantenimento, esempio se oggi ho lavorato a 250 Watt, tra 2 giorni lavorero' ancora a 250 Watt in modo da consolidare il valore per poi la prossima settimana, passare a 255-260 Watt in modo da cominciare a crescere, almeno questo sara' il mio obiettivo e un po' il senso del lavoro.
ECCO L' OPERA D' ARTE

martedì 29 dicembre 2009

Usare la testa

Oggi primo vero giorno post Natale cioe' allenamento con giorno lavorativo incorporato, ma per fortuna adesso si ritorna al vecchio ritmo, "leggermente" piu' tranquillo, cosi' come prima cosa questa mattina molto presto ho aprofittato per fare il lavoro a secco che purtroppo non facevo da ben 1 settimana, prima cosa nella parte alta non ho notato calo di forza, ma nei muscoli piu' grandi addominali e negli esercizi piu' duri come le flessioni ho avuto un calo nel numero delle ripetizioni. Morale, dopo il 6 passate queste feste scombinate il lavoro a secco dovra essere fatto almeno 2 volte alla settimana, una giornata piu' dura dove cerchero' di tirare forte che collocherei al martedì e una giornata diciamo di mantenimento che indicativamente andro' a collocarla al venerdì. In linea di massima, quando cominceranno le gare e mettendo di correre una sola volta a settimana alla domenica, un buon programma di allenamento per me, potrebbe essere il seguente:

Domenica: GARA
Lunedi': 1-2 ore di scarico in bicicletta
Martedì: Lavoro a secco + corsa (più intenso)
Mercoledì: Potenziamento in bici 2 orette totali
Giovedi': Distanza con Medio 3-4 orette
Venerdì: 1-2 Lavoro a secco + corsa (più blando)
Sabato: Scarico 1-2 orette in bici
Domenica: GARA

Questo programma rispecchia grosso modo quello che gia' facevo nel 2009, cioe' combinarele due fasi importanti dello sport cioe' il lavoro con il recupero, ma in più con l' inserimento del lavoro a secco che nel limite delle mie possibilità cercherò di portare avanti anche nel 2010. Altra cosa particolare da segnalare e' come gestisco il conteggio degli esercizi, mi sono fatto una griglia tipo exel su un semplice foglio bianco, come ho anche gia' pubblicato, e tra un esercizio e l' altro mi diverto a segnarmi il numero di ripetute e non solo, ma anche soprattutto a fare direttamente le somme ...... Quindi appena finito l' esercizio in piena asfissia celebrale mi ritrovo ad usare quel poco che rimane di cervello ..... al momento mi sembra anche di ragionare bene .... solo che dopo quando inserisco i numeri al computer, spuntano le sorprese e i vari errori di calcolo. A questo punto ho fatto un ragionamento, cioe' quante volte in gara al limite delle forze ci si ritrova a dover ragionare molto velocemente, quindi puo' essere un allenamento nell' allenamento quello di fare calcoli matematici sotto sforzo, certo sembra assurdo detto cosi', vi assicuro che fare piu' di 100 addominali al limite delle forze e poi mettersi a fare delle semplicissime addizioni da scuola elementare, non e' per niente facile, provare per credere.......

lunedì 28 dicembre 2009

Rilassamento muscolare con Mud Marine

Una delle mie ossessioni piu' grandi e' il recupero muscolare, cioe' quello che di solito manca ad un amatore di medio livello come me che ha famiglia, lavoro e un sacco di impegni e' quasi sempre il tempo di recuperare. Il recupero e' fondamentale, per poi il giorno successivo, potersi preparare ancora ad alta intensita'. Una delle soluzioni migliori che ho trovato ultimamente e' quella di fare dei trattamenti con un prodotto a base di argilla marina Colombiana della linea Epoc che si chiama MUD MARINE, ne avevo gia' parlato nei giorni scorsi, ma vorrei riparlarne proprio perche' ho scoperto un metodo molto valido con il quale mi trovo molto bene, la sensazione di rilassamento e' fenomenale e il dolore muscolare post allenamento si dimezza. Il trattamento che faccio soprattutto dopo lunghe distanze o quando sento le gambe particolarmente stanche dura circa 15 minuti in tutto ed e' il seguente:

1) Passo il prodotto con un leggero massaggio su tutte le gambe, cerco di stenderlo in maniera uniforme senza fare dei grumi e possibilmente partendo dal basso cioe' dai piedi e con una leggera pressione salgo fino alle cosce. Questo movimento e' importante perche' si deve dare uno stimolo alla circolazione sanguigna sempre nella direzione del cuore.



2) Una volta steso il prodotto ci si distende in una posizione rilassata, con le gambe leggermente piu' alte rispetto al corpo sempre per favorire il deflusso sanguigno, nel frattempo dopo pochi minuti il prodotto comincia a seccarsi e in questa fase, l' argilla, assorbe tutte le impurita' che si formano sulla pelle, favorendone la traspirazione e di conseguenza il recupero.

3) Dopo 15 minuti circa il prodotto il Mud Marine ha quasi finito il suo lavoro, la sensazione di assorbimento e' molto bella e la sensazione e' molto piacevole di rilassamento.


4) Il MUD Marine si toglie facilmente con dell' acqua calda, senza particolari problemi, ideale in quasta fase dopo averlo tolto accuratamente, alternare per qualche minuto dei getti di acqua molto calda ad acqua abbastanza fredda per 30 secondi circa


5) Et voila', le vostre gambe saranno di nuove pronte alla battaglia. Io finito il trattamento, applico un' altro prodotto che si chiama ICEdancer che e' un preparato a base di eucalipto che lascio agire direttamente sulle gambe, metto su una tutta e passo alla fase del riposo vero e proprio magari schiacciando un pisolino ........

domenica 27 dicembre 2009

Foratoooo ..... Comunque 94.3 Km

COSA C'E' DI PEGGIO CHE FORARE D' INVERNO ....


Oggi mi hanno proprio girato, ero partito da casa tutto felice, la giornata sembrava ottima fin dall' inizio e con la temperatura alle 8:00 di 3° che mi faceva sentire quasi bene, ritrovo con il gruppone scalmanato e via direzione Montello per il secondo lungo consecutivo, quello che in teoria nella mia testa, mi aspettavo mi mettesse apposto definitivamente. Tutto sarebbe andato a meraviglia, la compagnia era ottima, con i "fioi" di Mestre, la strada poco trafficata e la giornata limpida, presentava come gia' detto 3 gradi quasi gradevoli con tendenza ad aumentare verso l' ora di pranzo. Arrivati pero' sul Montello, il fattaccio, quasi allo scollinamento della Panoramica, ho forato, uno spino maledetto si e' conficcato sul copertoncino posteriore, facendo un forellino piccolo piccolo ma che progressivamente mi ha sgonfiato la ruota. Fortunatamente ho sempre tutto il necessario per la sostituzione dela camera d' aria, cosi' comincio ad armeggiare con la ruota, essendo stato alla fine di una salita, il sudore era abbastanza copioso e purtroppo si e' "gelato" abbastanza presto, il vento da nord delle montagne, ha fatto effetto frigorifero, mentre ero li che imprecavo, mi accorgo che il copertoncino posteriore e' deteriorato e si e' totalmente deformato creando un salto (cosa stranissima). Cerco di ripartire, tra l' altro trovo i dilettanti della Marchiol e cerco di unirmi a loro, faccio qualche centinaio dimetri, ma il salto e' terribile, cosi' mi devo rifermare, rismontare il tutto e riprocedere al gonfiaggio, risultato il copertoncino rimane deformato, va bhe !!! Giornata rovinata, giro la bici e comincio la discesa, questo e' stato il colpo di grazia, praticamente mi sono indurito come un ghiacciolo e arrivato in pianura preso dalla rabbia, ho cominciato a pedalare piu' che potevo per riscaldarmi. Arrivato vicino a Treviso, con sto saltello fastidioso ma soprattutto la paura che mi esplodesse il copertone, decido di tagliare per il paese di Biban, quando dopo 5 km circa trovo la strada incredibilmente bloccata, senza nessun cartello di avvertimento, a questo punto dovevo decidere se fare un giro largo di una decina di Km, oppure provare a passare per il campo .... cosa che ho fatto, a mo' di ciclocross, nel fango sono passato e piano piano poi ho ripulito la bicicletta e con le ultime energie nervose sono arrivato "fortunatamente" a casa senza altre sorprese. Alla fine poteva anche andare peggio, comunque ho portato a casa 94.2 Km e tutto sommato la due giorni e' stata soddisfacente.

DATI POLAR:

Tempo: 3:19.39
Distanza: 94.3 Km
Velocita' media: 28.4 Km-h

Kcal: 1922
Battito medio: 137

Peso: in miglioramento ma ancora innominabile :O)))))

sabato 26 dicembre 2009

131.5 Km finamente un giorno per me

PREMESSA:
Grazie a tutti quelli che mi hanno mandato gli auguri, scusate se non ho risposto a tutti per mancanza di tempo, ad ogni modo ho molto aprezzato, lo scrivo qui cosi' rispondo senza dimenticare nessuno.

ALLENAMENTO:
Dal 17 Dicembre non uscivo in bicicletta e oggi cascasse il mondo volevo essere libero di farmi un bel lungo, l' idea era quella di fare almeno 5 ore e ci sono andato vicino, alla fine ero stracotto le gambe chiaramente mi hanno insultato e il fondoschiena e' andato in avaria totale .... Bene proprio quello di cui avevo bisogno :O)))) Masochismo ciclistico si chiama questa cosa, almeno credo. Per farla breve sono partito da casa verso le 8 di mattina con ben 2° attorno alla mia soglia minima di sopportazione, nonostante il freddo ho stretto i denti e a parte la prima ora dove ho rischiato di girare la bicicletta e tornarmene a casa causa geloni ai piedi, dopo tutto e' filato liscio come l' olio. Ho sempre pedalato bello agile con una frequenza che andava dai 130 ai 145 battiti quindi perfetto, il freddo e' l' aria pesante non permettevano di fare velocita' e la sensazione anche dovuta al fatto che da tanto non uscivo in bici su strada era esattamente quella che in gergo si dice "incatramato" cioe' incollato all' asfalto come d' estate quando il catrame appiccica le ruote e non si riesce piu' ad andare avanti. Sono andato sul Montello, scroccando scie a destra e a manca ai vari gruppetti che ho trovato durante il giorno, ma fondamentalmente girando da solo secondo le mie forze (scarse per dire la verita'). Ho fatto la salita della dorsale da Nord, sono circa 4-5 km ma non troppo impegnativi, sono andato su bene per le mie possibilita' attuali ma pesante per via del peso e delle gambe un po' vuote, agile con il 39x24 e qualche volta anche il 27, con frequenze di medio e soglia. Su in cima a 365 metri di altitudine di Santa Maria, ho tirato dritto senza nemmeno fermarmi a fare i bisogni, avevo troppa paura esseno sudato di prendere qualche cosa ... ho chiuso l' antivento e giu' in discesa, sul Montello ho trovato anche i Vigor al gran completo con in testa il Campione del Mondo Zanetti, certo che solo a vederli facevano impressione, un treno compatto tutti ben vestiti, davano veramente il senso di essere pronti alla battaglia. Giu' dalla discesa ho trovato I Zerotino boys con Pietro Caroli, Bottaro e il nuovo acquisto Mazzero Mirko, con altri amici e con loro sono tornato a casa, anche questi 40-45 con estrema facilita' adesso come adesso mi sembra che vadano tutti forte ... vedremo piu' avanti cosa succedera' quando andare forte contera' un po' di piu'. A casa arrivato rovinato, infreddolito, spaccato e prosciugato, ma veramente felice come non mi succedeva da tempo, domani speriamo di replicare ( questa non mi e' bastata del tutto) :O))))

DATI POLAR:

Time: 4:34.02
Distanza: 131.5 Km
Velocita' media: 28.8 Km/h


Kcal: 2903 ( infatti ho mangiato anche il tavolo a casa)
Battito medio: 144 (piu' che buono direi)

Peso post cenoni: NO COMMENT migliorera' ;O)))))

mercoledì 23 dicembre 2009

Rulli: 1 Ora a 145 Battiti

Oggi finalmente un timido sole, ha un po' asciugato la strada, ma preso oramai dall' allenamento con il simulatore, incredibilmente mi sono messo in pantaloncini corti e sono sceso in garage. Dopo la spaccata di ieri, mi sentivo un po' "legato" e anche il fatto di aver corso al lavoro dalla mattina presto credo abbia un po' influenzato la mia prova, ad ogni modo oggi avevo deciso di fare un test di 1 ora sui 145 batti che corrispondo al ritmo di fondo lento, il risultato e' stato molto interessante, qui sotto la tabella riassuntiva su un' ora di test, poi in realta' ho allungato fino a 40 Km. Prima di questa prova ho fatto 30 minuti di riscaldamento a 130 battiti, che mi hanno permesso di partire ben pronto per il test, in totale quindi ho fatto 55 km in meno di 2 ore.

TABELLA DI CONFRONTO


All' inizio sono partito un po' troppo generoso infatti come si vede nel grafico sotto dell' analyzer (il programma che la tacx fornisce con il simulatore), ho un picco iniziale attorno ai 180 Watt abbondanti, per poi dopo 5 minuti assestarsi sui 170 Watt abbastanza regolari, ho pedalato con il 52x17, la velocita' e' sempre stata regolare sopra i 34 Km/h con 90-92 pedalate al minuto, il cuore costante sui 145 battiti, dopo i primi 5 minuti appunto di assestamento, ho avuto 40 minuti praticamente regolari, mi aspettavo come per la prova a 130 battiti di andare in crescendo, invece, lo sforzo a 145 battiti e' piu' intenso e la potenza probabilmente tende a calare da subito, prossimamente faro' dei test anche al medio e alla soglia per vedere cosa ne esce fuori. Ritornando alla mia prova, dopo 40 minuti ho avuto un primo calo, e la mia potenza e' calata attorno ai 160 Watt, ho praticamente perso 1 pedalata al minuto secca, lo sforzo non e' mai stato forte o difficoltoso, d' altronde stiamo parlando di fondo lungo, ad ogni modo nella prima ora ho corso a circa 34 di media 33.8 per la precisione che comunque rimane una velocita' abbastanza buona (immaginate di fare i 34 di media su strada rimanendo bassi con la frequenza cardiaca). Passata l' ora ho comunque deciso di tirare dritto perche' mi interessava misurare il calo di potenza, infatti dopo 1 ora e 5 ho perso altri 10 Watt assestandomi attorno ai 150-155 Watt, cosi' sono rimasto fino a 1 ora e 10 dove ho finito i 40 Km, a questo punto appena possibile mi interessera' provare a fare magari 2 ore a 145 battiti per misurare il calo su una unita' di tempo piu' grande. Ad ogni modo dando una misura definitiva alla prova posso dire di essere partito attorno ai 175-180 Watt e di aver terminato attorno ai 155-160 dopo 1 ora e 10, in velocita' ho perso praticamente circa 1 Km/h.

GRAFICO ANALYZER TACX


La riga rossa e' la frequenza cardiaca e chiaramente essendo una prova a battito costante, questa rimane invariata, la frequenza di pedalata rimane costante perche' quando ho cominciato a calare di potenza, ho alleggerito il rapporto, tenendo le RPM costanti, mentre la linea blu' della velocita' tende leggermente a calare, come la linea verde della potenza, non ho confronti con altri atleti e quindi non mi rendo conto se il mio dato sia buono o meno, so solo che per quanto mi riguarda devo migliorare in primo luogo la forza e soprattutto devo riuscire a mantenerla per molto tempo migliorando anche di conseguenza la resistenza, queste due componenti sono le doti che servono per essere un forte ciclista.

TABELLA ANALYZER FORTIUS



martedì 22 dicembre 2009

Viuuuuleeeenzaaaaa

Oggi mi sono fatto male, nel senso che mi sono allenato a fondo come si deve e ne sono molto soddisfatto, il programma prevedeva allenamento a secco "tirato" e poi corsa a piedi, causa mal tempo ho leggermente variato il programma sostituendo la corsa con una sessione sul simulatore. Faccio una premessa importante, forse adesso dopo 1 mese di lavoro "serio" sulla forza, ripeto forse comincio a capire cosa significa questo tipo di lavoro, ho sempre pensato che lavorare sulla qualità fosse essenziale per migliorare, ma probabilmente esiste una qualita' della qualita' nel senso che sembra un gioco di parole, ma quello che vorrei dire e' che quando si pensa di lavorare bene al dettaglio, probabilmente continuando a mettersi in gioco, si posso trovare dei punti di miglioramento per fare ulteriori progressi. Il concetto di forza applicata al ciclismo, sara' la mia priorità per i programmi di allenamento futuri, maggiori dettagli li potrò dare in futuro. Tornando ad oggi, l' allenamento e' cominciato con 20 minuti di rulli a 130 battiti, quanto e' bastato per fare una piccola sudata e cominciare bello caldo. Fin dai primi esercizi mi sono reso conto che la giornata era OK, sotto pubblico la tabella Exel che da ora in poi compilero' per confrontare, ma soprattutto quantificare i miei "allenamenti a secco", e' evidente se non impressionante come da 10 e dico DIECI addominali sono passato in circa 1 mese poco più a farne 120, questo e' il dato che mi impressiona maggiormente, certo partire da quasi zero come ero io e' facile avere dei progressi, ma il discorso e' questo: se riesco ad applicare i concetti di lavoro sulla forza al ciclismo, forse potrebbe essere la chiave di volta per un miglioramento magari inaspettato come e quanto e' stato per le flessioni. Un concetto di forza applicata al ciclismo, insomma non scopro l' acqua calda con la famosa resistenza alla forza (o forza resistente come dir si voglia) .....



Finito il lavoro a secco che in totale e' durato circa mezz' oretta, con 5 minuti di recupero tra le routine, sono salito sui rulli, ho fatto 30 minuti a 130 BPM, rispetto a sabato ero chiaramente rovinato dal lavoro a secco e ho potuto quantificare in un calo di circa 20-30 watt iniziali (alla partenza andavo sui 110 Watt a 130 Bpm e 92 RPM, poi come per sabato ho cominciato a "carburare", aumentando progressivamente sia le pedalate che la potenza, alla fine dopo 30 minuti andavo a 98-100 RPM con oltre 130 Watt e anche questo e' un punto molto importante cioè finito il lavoro a secco, se mi fossi fermato sarei rimasto "intossicato". Mentre trasferendo il lavoro a secco sulla bici alla fine dei 30 minuti di pedalata, mi sentivo ancora in crescita e anche se dolorante ai muscoli, le sensazione mentale e' stata quella di essermi allenato alla grande e di aver terminato il lavoro con una bella sensazione di crescita.

TABELLA ALLENAMENTO SU SIMULATORE

lunedì 21 dicembre 2009

Come si fa ad uscire in bici ?

Certo che di uscire in BDC per il momento non se ne parla proprio, se siamo fortunati che dovesse spuntare un po' di sole e se tutto va bene che il tempo tiene io dico che ci vorranno almeno 10 giorni .... Fortunato chi abita vicino al velodromo di Montichiari a Brescia che si puo' allenare INDOOR, in questi momenti ci si rende conto quanto manchi una pista seria nella zona VENEZIA-TREVISO.

VIALETTO DI ENTRATA A CASA

PARCHEGGIO DI CASA

LA STRADA DURANTE LA NEVICATA

IL MIO GIARDINETTO ....

LA STRADA DOPO LA NEVICATA

COME SI PUO' ANDARE IN BDC ?

TEMPERATURA ORE 9:00 ..... -9°



domenica 20 dicembre 2009

Rulli Fondo lento + San Remo

Le condizioni meteo fuori sono rpoibitive e a parte i super-eroi biker, penso nessuno si sia avventurato fuoi in bicicletta, anche perche' almeno da me e' difficile uscire da casa anche con la macchina. Ieri ho fatto 2 ore e 10 di rulli con delle prove specifiche molto interessanti. La prima in particolare e' stata fare 1 ora consecutiva a 130 battiti costanti. Il risultato e' stato molto interessante:
Come si puo' vedere dalla tabella la mia potenza media e' andata via via aumentando, e' una cosa un po' (ma non tanto) insolita nel senso che la potenza dovrebbe scendere, anche se lo sforzo e' quello del fondo lungo comunque magari di poco dovrebbe andare giu' invece la mia potenza e' andata via via crescendo, questa cosa un po' me l' aspettavo perche' io nelle gare lunghe attorno agli 80-100 Km ho sempre fatto delle buone prestazioni. Fatto 30 minuti di riscaldamento prima e altri 30 minuti di defaticamento dopo, per un totale di 2 ore e 10 mintui circa. Prossimamente vorrei provare a fare questo esercizio anche a fondo lento(145 battiti), fondo medio (160 battiti= e magari se resisto, in soglia (175 battiti) a frequenze piu' alte sicuramente la potenza andra' in caladno ma sara' interessante verifiare di quanto, questo dato e' interessante per esempio in una granfondo dove si devono affrontare piu' salite, chi ha un motore da fondista, tendera' a mantenere la potenza costante nel tempo e sara' meno probabile un calo di rendimento nel finale di gara. Oggi invece ho fatto sempre sul simulatore il lungo della San Remo, questo e' il mio percorso ideale e mi piace proprio farlo, grosso modo e' cosi' primo tratto ideale per riscaldamento, poi 4 capi da fare al medio di potenza lunghi ogni uno un paio di Km con l' ultio il Berta abbastanza impegnativo, altro tratto ondulato dove si recupera ( o si spinge dipende dal tipo di allenamento), La Cipressa che sono 15 minuti di salita dura su circa 6 km veramente tosta, discesa, Poggio con le ultime forze rimaste, discesa e arrivo nella mitica Via Roma, detta cosi' sembra facile ma 3 ore di rulli in garage, senza TV, senza radio con un freddo boia, non sono uno scherzo soprattutto a livello psicologico inaftti oltre ad essere veramente faticoso e' dura mantenere la voglia di farlo ...... Ad ogni modo sono stato soddisfatto anche oggi perche' ho fatto il percorso in 2 ore 53 minuti e 28 secondi a 133 battiti medi, ho guardato l' anno scorso e il 6 gennaio quindi praticamete lo stesso periodo avevo impiegato 1 minuto in piu' ( 2 ore e 55 circa) e ben 5 battiti superiori (138 medi), questo vuol dire indicativamente che rispetto allo stesso periodo dell' anno scorso, sto andando abbastanza meglio .... adesso speriamo di continuare, ma soprattutto che questi dati poi si trasformino in risultati anche nelle gare su strada, dove conta per davvero andare forte.

SCHERMATA DEL DVD DELLA SAN REMO

L' ALTIMETRI DELLA CORSA PROF



sabato 19 dicembre 2009

Tacx ed Elite in festa ....

EROE N2 THE.MTB.BIKER IN LAGUNA DI VENEZIA


ACCIDENTI !!!! Mai nella mia vita avevo visto una nevicata del genere a Venezia, certo che questa neve non saprira' certo in 2-3 giorni anzi consiglio di attrezzarsi per i prossimi giorni Massimo in negozio ne ha di tutti i tipi :O))))))) ..... Secondo me alla Elite e alla Tacx prevedono una vendita eccezzionale di rulli e simulatori e stanno stappando lo spumante in anticipo .... Gia' immagino corridori disperati che prenotano vacanze fuori stagione in paesi caldi per poter pedalare .... Ciclisti temerari che con le MTB ( a ruote dentate) partono incuranti delle strade. Io per fortuna con il mio simulatore non perdero' nemmeno un secondo di allenamento anzi mi sparero' un bel percorso lungo "virtuale" della San Remo, con capo mele, cervo, Cipressa, Poggio e arrivo in via Roma a San Remo sognando un caldo sole primaverile ..........
Aspetto foto di ciclisti temerari che non curanti del clima andranno ad allenarsi comunque ........


ECCO IL PRIMO EROE, IL MITICO THEFAST

venerdì 18 dicembre 2009

Pietro is bike from B-Max


Metto in guardia tutti i corridori della categoria Veterani, Pietro sta andando come una moto, l' anno scorso ha fatto ben 3 vittorie, ma quest' inverno lo vedo bello convinto, tirato gia' a lucido, in vista del 2010, martedi' scorso si vocifera di una fuga solitaria di quasi 50 km a oltre 40 km/h (per dire la verita' pero' mancavo io :O))))) Ad ogni modo Pietro oltre ed essere passato al forte Team Zerotino dei fratelli Bottaro, ha fatto anche un Upgrade tremendo con la nuova bicicletta fatta da Massimo di B-Max. Cliccando sopra la foto si puo' vedere "il mostro" ingrandito, telaio in carbonio, gruppo Sram Red, ruote Cosmic Carbon, computerino Garmin 305, un vero gioiello per alte velocita' .... Da notare la finezza della scritta nera B-Max tono su tono con il nero del carbonio, devo chiedere a Massimo le peculiarita' di questo particolare carbonio, che nonostante sia molto leggero, ha una estrema rigidita' ideale per non disperdere la potenza di un forte passista come Pietro.

PIETRO, MASSIMO e BEPI FANNO I PROGRAMMI PER IL 2010

PARTICOLARE DEL TELAIO by B-Max



giovedì 17 dicembre 2009

Formula Natale .... 1° di temperatura

SECCO e FREDDO


Temperatura esterna 1° ho pensato che mi si sarebbe ghiacciato il The' dentro alla borraccia, ero indeciso se uscire o meno, ma il sole mi ha ingannato e ho pensato che avrebbe riscaldato un pochino ... amara verita' e' stata che si gelava, il vento di Bora proveniente da Trieste mi ha penetrato i guanti ZeroWind, mi ha spaccato la faccia dal freddo e gli spifferi che entravano nei pochi spifferi che avevo lasciato sul giubbino invernale, mi scendevano gelidi giu' per la spina dorsale ... Non so veramente come ho resistito, solo la compagnia del gruppone ha mitigato questa sofferenza, il detto mal comune mezzo gaudio non centra nulla perche' era troppo freddo. A parte questo particolare, oggi abbiamo cercato in tutti i modi di gestire l' allenamento, cercando di organizzare una bella doppia fila, l' impresa non e' stata assolutamente facile troppe persone da accordare hanno reso l' impresa molto difficle, ma non impossibile, alla fine siamo riusciti nel bene o nel male a girare fin quasi alla fine a buon ritmo di 35-37 senza strappi troppo violenti. Tutto questo mi e' piaciuto molto, speriamo diventi una regola per il futuro, girare tranquilli in doppia fila per poi scatenare la "guerra" nel finale, come e' stato, prima delle Fiadre nel solito punto, sono scattato forte, con me e' venuto via Pietro con la nuova "bestia" targata B-Max e Stefano Rizzo del Satna Eufemia, abbiamo "menato duro" per un paio di km con il gruppo alle calcagna, ma poi il nostro accordo ha avuto la meglio, il gruppo ha progressivamente perso terreno, per tutti ma non per Elia Ongaretto, che e' partito a mille staccando tutti e con il 39 !!!!!!!!! E' riuscito ad arrivarci sotto, certo quando e' rientrato anche lui, non c'e' piu' stata storia, in 4 in doppia fila, siamo andati via come meteoriti e alla fine siamo arrivati al traguardo di Musestre persino in relax e con tutto il tempo di scambiarci gli auguri di Natale .... Elia parte per il ritiro al caldo con la nuova squadra, (il team Marchiol primo vivaio Liquigas).

ANNO NUOVO E MAGLIE NUOVE
PIETRO PASSA AL TEAM ZEROTINO .....


ELIA ONGARETTO PASSA DALL' ORMELLE ALLA MARCHIOL-SITE


DATI DEL MIO POLAR:

Tempo: 2.55:40
Distanza: 90.0 Km
Velocita' media 30.7 Km-h

Kcal: 1798
Battito medio: 141

GIRO F1: 1.26.22
Battito medio: 156
Velocita' media: 34.7 Km-h
Distanza: 50.2 Km


mercoledì 16 dicembre 2009

Pizza ufficiale F1

Stasera si e' celebrata la "Pizza ufficiale F1 2009" presenti tutti i "protagonisti" della stagione che dopo innumerevoli battaglie su strada, si sono affrontati in una ardua serata di mangia e bevi, non nel senso di piccole salite, ma nel vero senso della parola, mangia molto e bevi tanto ......
Serata piacevole con le immanchevoli storie di strada, che con il passare del tempo e soprattuto con l' aumentare del tasso alcoolemico, a parole le medie sono degenerate aumentando di almeno 4-5 km/h in piu' , ma questo non conta, l' importante e' andare o cercare di andare piu' forte del proprio amico al limite se non ci si riesce si puo' prendersi la vendetta sul fatto che abbia un brutto stile o che la bicicletta pesi 0,01 etti di piu' ... insomma tutto fa brodo.
Ne aprofitto per salutare tutti gli amici "catronari" della F1 con in testa FabioFgs il mio "capo", The Fast l' organizzatore della serata, TriPiero reduce dal triatlon della Thailandia, Federico IronLampre, Borga, Nandro e mi scuso con chi ho dimenticato ma e' tardi e sono pure un po' stanco ....

GRUPPO REDUCI F1 2009

NANDRO DIRIGE LA BANDA ....

FABIOfgs IL MIO TEAM MANAGER SEMPRE CON I CONTI IN MANO .....

Unica nota stonata della serata arrivato casa ho ben pensato da vero asino di auto-tirarmi una mega sportellata sulla caviglia in modo rendermi impossibile il ritorno in bici, spero solo per domani mi sia passato ......

IL CONTO ......

martedì 15 dicembre 2009

Freddo boia e nevica ... per fortuna rulli

CIELO GRIGIO, FREDDO e VENTOSO

video

Oggi proprio non potevo uscire in bici,erano 3 gradi ma di quelli malefici, con cielo grigio, vento forte e freddo, tanto freddo, poco dopo aver girato questo video ha fatto anche qualche fiocco di neve. Cosi' ho ripiegato nel caro buon vecchio garage a fare rulli. Nonostante la gara podistica di ieri sulle gambe, le sensazioni sono state piu' che buone, ho ripetuto le prove di settimana scorsa e sono migliorato su tutti i test e a tutte le frequenze, tra l' altro ho perso anche qualche etto quindi direi giornata positiva.
La prima prova a 130 battiti e' stata molto buona il miglioramento e' evidente da 121 Watt sono passato a 140 Watt nella tabella sotto i risultati completi, tra parentesi i dati di settimana scorsa.

DATI a 130 BPM:

Velocita' media: 30.7 (29.3) Km-h
Potenza media: 140 (121) Watt
Pedalate medie: 90 (92) Rpm
Battito medio: 131 (131) Bpm

TEMPO 19.18 (20.10)

Finita la ripetuta, sono sceso dalla bici, mi sono asciugato per bene dal sudore freddo che nel garage e' veramente fastidioso, ho fatto qualche esercizio di allungamento e dopo 2-3 minuti sono ripartito con la seconda prova a 145 battiti dove da 157 sono passato a 176 Watt medi

DATI a 145 BPM:

Velocita' media: 33.5 (32.2) Km-h
Potenza media: 176 (157) Watt
Rpm: 90 (89)
Bpm: 146 (145)

TEMPO: 17.43 (18.22)

LO SFORZO E' COMUNQUE ALTO
MA "SAN BASSO" VEGLIA SU DI ME


DATI a 160 BPM:

Velocita' media: 34.7 (34.3) Km/h
Potenza media: 194 (185) Watt
Rpm: 91 (90)
Bpm: 161 (161)

TEMPO: 17.05 (17.17)

LA LOCATION NON E' DELLE MIGLIORI
MA COME DICONO I SAGGI DI QUELLO CHE C'e' NON MANCA NULLA

video

DATI a 175 BPM:

Velocita' media: 35.9 (35.3) Km/h
Potenza media: 214 (201) Watt
Rpm: 90 (91)
Bpm: 173 (173)

TEMPO: 16.32 (16.47)

L'ultima ripetuta e' stata in un certo senso la migliore e quella che mi spaventava di piu' sentivo di essere stanco ma ho cercato cmunque di farla per benino, alla fine 214 Watt medi contro i 201 di settimana scorsa quindi una ottima prova direi, alla fine sono state 2 ore e 10 minuti totali di rulli e un allenamento di ottimo livello, soprattutto il fatto di aver migliorato e' la cosa che mi fa piu' piacere.

Peso al mattino: 78.2 Kg

domenica 13 dicembre 2009

Santa Klause'S 11° Classificato (podismo)

ALLA PARTENZA DUBBIO ATROCE (16 o 6 km??!!??)


SANTA KLAUSE' S
GREEN ROAD
3à Corsa dei babbi Natale
Quarto d' Altino 13 Dicembre 2009

11 Classificato percorso 6 km in 28.54

Oggi finalmente mi sono tolto la soddisfazione di partecipare ad una gara di podismo prima di tutto devo ringraziare Alvaro che mi ha avvertito di questa gara permettendomi di partecipare, poi devo dire che e' stata una vera figata, tutto come mi immaginavo, alla mattina mi preparo e al banco iscrizioni bisogna decidere che percorso fare, per dire la verita' pensavo di farlo alla deviazione in base alle mie sensazioni, ma i percorsi erano totalmente differenti cosi' ho dovuto decidere prima di partire. Ho optato per il corto perche' allenandomi ( molto poco tra l' altro) su 4 km era una follia farne 16 di gara era come fare allenamenti di 40 km in bici e poi fare una granfondo di 160 .... una follia appunto. Cosi' decido di fare i 6 km, l' iscrizione costa 4 euro e danno in omaggio un vestito di Babbo Natale che per regolamento e' obbligatorio da indossare almeno 2 pezzi. Io opto per il cappello e la giacca come la maggior parte delle persone.

IL BANCO ISCRIZIONI 4 euro con OMAGGIO ......

QUESTO E' IL VESTITO COMPLETO

Alla partenza siamo circa 600 podisti suddivisi in 3 percorsi, i 16 km, i 6 e i 2 per i bambini e per chi ha voglia di camminare, il lungo e' bellissimo sulla via Augusta l' antica strada romana quella che faccio spesso in MTB, mentre il percorso di 6 km ripercorre molti tratti del mio percorso podistico abituale, praticamente ho la corsa in casa si passa anche davanti a casa mia. Alla partenza sorpresa delle sorprese trovo Mosca un mio amico ciclista che conosco da 15 anni e mai mi sarei aspettatto di incontrare ad una podistica, fatto sta che anche lui fa il percorso da 6 Km.

IO ALLA PARTENZA

IL GRUPPONE ALLA PARTENZA VERAMENTE TANTA GENTE

IL VIALONE DI ARRIVO IN CENTRO CITTA'

IL KIT PARTECIPAZIONE

Prima della gara ho fatto circa 30 minuti di riscaldamento super curato con fondo lento, allunghi, e qualche ripetuta al medio, alla partenza ero veramente bene, caldo e con le gambe ok, insomma tutto perfetto, anche se e' una corsa non competitiva, si va a blocco e basta, come sempre si cerca di arrivare davanti, pronti via sorpresa , riesco a tenere il passo dei primi, ho con me il polar e vedo che sono benissimo a ritmo medio soglia ma senza sentire problemi, merito del riscaldamento super curato. Chiaramente i Big hanno fatto il percorso lungo ma anche il corto come alle granfondo di ciclismo ha partecipanti di ottimo livello. Passiamo il primo km di gara e sono attorno alla 19-20esima posizione, con me il mio amico Mosca fatalita' corriamo allo stesso ritmo, cosi' facciamo praticamente gara assieme, anzi devo dire che lui piu' esperto mi ha dettato un ritmo perfetto, appena sopra i 5 minuti al km a ritmo soglia all' innizio per poi aumentare progressivamente verso la fine, piano piano cominciamo a recuperare gente e ci portiamo sulle prime posizioni, fino ad arrivare bene davanti, i primi hanno un altro passo, perche' viaggiano sotto i 4 minuti al km, ma anche noi accelleriamo e continuamo a superare gente, finche' all' ultimo km abbiamo nel mirino un gruppetto di 3 che pero' lanciatissimi da dietro, saltiamo negli ultimi 500 metri, guardo il cardio e sono a 190 battiti, diciamo a tutta, a 200 metri dall' arrivo passiamo davanti casa mia e mia moglie e' fuori che mi batte le mani sorpresa di vedermi passare con i primi, gli ultimi 100 metri Mosca si sposta e mi lascia passare dicendomi che essendo il mio paese e' giusto che passi io per primo, GRANDE !!!! E' stata una soddisfazione immensa, e condividerla con un amico e' stato ancora piu' magico. Alla fine 28 e 54 tempone mostruoso per me ad un ritmo sotto i 5 al km, mai andato cosi' forte, senza allenamento specifico non e' per niente male per un ciclista come me.

IO E MOSCA PRATICAMENTE SEPARATI DALLA NASCITA

All' arrivo incredibile grigliata di carne GRATIS per tutti i partecipanti, io mi butto subito su un hamburger caldo e fumante, ma non solo grigliata un altro bancone con panettone, coca cola, the caldo di tutto di piu' e una bottiglia di gatorade per tutti, pensare che l' UDACE vuole portare le iscrizioni a 10 euro viene veramente da sorridere al confronto con una corsa di podismo del genere.

GRIGLIATA PER TUTTI E GRATIS !!!!

PREMIO FINALE

RINFRESCO PER TUTTI A FINE GARA


DATI DEL MIO POLAR:

Distanza: 6 Km
Tempo: 28.54

Kcal: 438
Battito medio: 177
Battito massimo: 191

Peso al mattino 78.4 Kg