venerdì 30 settembre 2011

Giro in Formula 1 TV-Mare a blocco ... !!!

Ieri sera in Formula 1 c'è stata una sgasata Record in Treviso Mare, la facciamo sempre forte e il gruppo si fraziona, ma ieri sera abbiamo fatto un numero.
In pratica estrapolando i dati abbiamo percorso 5.2 km dal km 44.65 fino al km 49.83 in 6 minuti e 12 secondi alla MEDIA di 50.32 Km/h .....
Non male per dei Ciclo-ombre !!!

P.s. I sei che hanno tenuto questa velocità ci tengo a nominarli, sono stati: Pietro Caroli, Alberto Saccon, Fabio Marzari, Alberto Causin, Federico Costa e il sottoscritto ......

mercoledì 28 settembre 2011

Complimenti al Gruppo BICIMANIA di Mestre


SUCCESSO DELLA 1^ “KID e JUNIOR BIKE CONTEST”

Non c’è dubbio che anche tra i piccolissimi si registra una sorta di competizione quanto si parte con un “Via” e assieme a tanti coetanei, ma domenica 25 settembre scorso al Parco Albanese – Bissuola di Mestre (VE) a vincere è stata la Promozione. Si, proprio quella con la “P” grande.

Oltre 200 i bambini, dai 6 ai 14 anni, che si sono riversati assieme a genitori e nonni in uno dei più grandi polmoni verdi della cittadina lagunare per partecipare gratuitamente alla 1^ Edizione di “Vivi la Bici – Kid & Junior MTB Contest” la kermesse di mountain bike giovanile organizzata dalla Associazione Sportiva udacina Bicimania-Frescada Mestre, sotto la regia dell’instancabile Erminio Ferretto che per l’occasione ha potuto contare sulla collaborazione di Istituzione Bosco e Grandi Parchi, Assessorato allo Sport e Municipalità Mestre-Carpenedo, Provincia di Venezia, CP Udace Venezia, il Casinò di Venezia e Gruppo Campello Motors e molte altre aziende che con grande sensibilità hanno reso possibile la realizzazione di un evento che, certamente, si ripeterà anche l’anno prossimo.

Davvero un colpo d’occhio i tantissimi caschetti colorati e la vivacità registrata in questa stupenda giornata, fortunatamente ancora estiva, che sin da prima di mezzogiorno registrava l’arrivo di molti gruppi i quali, in attesa dell’avvio della manifestazione previsto per le 14,30, hanno colto l’occasione di fare un pic-nic nell’anello verde attorno al tracciato disegnato con grande fantasia dallo staff di Bicimania. Dai 530 ai 850 metri le lunghezze dei due percorsi che in base all’età venivano percorsi una o più volte dai giovanissimi ciclisti non agonisti i quali, al termine delle loro rispettive prove, avrebbero assistito anche ad una vera e propria gara agonistica della prima categoria giovanile.


Ad aprire la manifestazione sono stati invece i “Cuccioli” del 2005-2006-2007, una cinquantina circa, che hanno davvero rappresentato l’aspetto promozionale dell’evento percorrendo su mini mountain bike, biciclette e biciclettine il breve percorso a loro dedicato, sotto lo sguardo divertito dei circa 600 spettatori, tra parenti e cittadini e tanti altri piccolissimi bambini che saranno certamente protagonisti il prossimo anno. Sono quindi seguite le batterie dei nati nel 2003-2004 che hanno affrontato il medesimo percorso per due volte e, a seguire, quelli del 2001-2002 che hanno percorso tre volte l’anello verde.


A conclusione della fase promozionale c’è stata, come detto in apertura, la gara tra i giovani tesserati (1998-2000), che si sono confrontati sul tracciato più lungo percorrendolo sei volte e dove, com’è normale che sia, si è registrato un livello tecnico e atletico maggiore. Il podio, tecnicamente registrato dalla TDS, ha visto quindi salire nel suo gradino più alto Luca De Gironimo (Asd Magicabike), che ha lasciato dietro di se Carlo Geremia (Asd Sagittabike) e il compagno di squadra Michele Pedol. Il sodalizio sandonatese ha inoltre rappresentato il gruppo più numeroso della giornata schierando ben diciassette biker, tra agonisti e non, conquistando così la Targa-riconoscimento messa a disposizione dall’Assessorato allo Sport di Venezia.

La vera festa è arrivata dopo, quando i partecipanti hanno letteralmente assalito Erminio per avere, come previsto per tutti, la medaglia commemorativa e alcuni gadget, tra cui la T-shirt della manifestazione. E ora, Bicimania, pensa già alla seconda edizione.

Fonte Udace Venezia:

Formula Invernale in 1.23:21

IL RIPOSO DEL GUERRIERO .....


FILE GARMIN DELL' ALLENAMENTO:

martedì 27 settembre 2011

domenica 25 settembre 2011

Gara Ponte di Piave 2° Classificato

Tra i tanti secondi posti del 2011, questo è quello che mi brucia di più, avevo programmato questa corsa da settimana scorsa, due bei allenamenti a tutta in F1 per poi riposare e presentarmi a questo appuntamento con la gamba piena in perfette condizioni.
La Gara era a San Nicolò di Ponte di Piave in provincia di Treviso sul classico circuito che facciamo altre volte durante l' anno, bello veloce, qualche curva dove rilanciare, per un totale di 65 km circa di Gara.
Al via non eravamo tantissimo diciamo nella media di altre domeniche, ma per fortuna questa volta invece di farci partire in 30 Junior e Senior, hanno accorpato anche i veterani e siamo partiti una bella settantina poi da dividere in 3 categorie.
Con un gruppo più numeroso da una parte ero più tranquillo che le fatiche sarebbero state suddivise tra più corridori, visto che la differenza tra un ventenne e un quarantenne è praticamente nulla, quindi tutti a tutta come sempre e Vinca il migliore.
Pronti via e se ne vanno il mio amico Fede Costa con Lazzaro, media sui 44, ma io pensavo che in 2 era dura ad una velocità così alta, però dietro i Veterani non tiravano in quanto non c'era nessuno della loro categoria, io non tiravo perchè avevo il mio amico davanti e la Teo Sport non tirava perchè aveva Lazzaro davanti ... Facendo tutti questi ragionamenti, un sacco di gente, aveva un buon motivo per non tirare.
Fatto stà che alla fine comunque qualcuno ha lavorato per chiudere e verso metà gara siamo riusciti in qualche modo a prendere i fuggitivi, subito ho pensato come spesso succede, che sarebbe partita la fuga buona in contropiede e difatti così è stato, sgasatona contro vento e via in 3-4, io a blocco a chiudere e in 5 a 50 km/h facciamo il buco, passano 3-4 km con il vento a favore e da dietro rientrano altri 3-4 e alla fine ci ritroviamo in 9.
Passiamo sotto il traguardo ai meno 3 giri, abbiamo 25 secondi non molti, siamo in totale 2 Junior e 7 Senior, nessun veterano, il vantaggio è scarso e dobbiamo menare senza tanto ragionare.
Facciamo un' altro giro e restiamo avanti ancora di 35 secondi, il gruppo sembra trenare forte per chiudere , ma davanti teniamo e al passaggio seguente sembra che sia fatta con un vantaggio di circa 1 minuto, a questo punto ce la giochiamo noi attaccanti.
La velocità alta fa si che fino ai meno 2-3 km nessuno prova a partire, poi comincia la roulette russa, bim bum bam e tutti scattano, io resto in standby e fino all' ultimo km cerco di limare il più possibile in vista di una volata ristretta, ma quando mancano 6-700 metri all' arrivo Fede Costa tira una botta atroce , io cerco di prendergli la scia, ma becco una sbandata maligna e vado quasi sull' erba, ma passo e perdo solo 3-4 metri che con uno sforzo ulteriore chiudo subito, mi giro e abbiamo 30 metri, kakkio mi dico adesso facciamo il numero.
Purtroppo dietro reagiscono subito, Pavanello trena per Mirko Mazzero e ci mette nel mirino, -500, -400, - -300 ma a 50 e passa siamo ancora con 20 metri, a questo punto devo provarci e parto lungo perchè da dietro chiudono a doppia velocità.
Purtroppo il vento è contrario e riesco a lanciarmi "solo" a 58.5 km/h, sento le gambe di marmo, ma ho ancora 10 metri, -200 sono ancora primo, -100 resisto, ma kakkio sento il fiato sul collo, forse ce la posso fare, a 20 metri dall' arrivo sono ancora in testa ma a tutta, penso a come posso alzare le braccia al cielo e sul più bello proprio sulla linea Mazzero con il colpo di reni mi passa di mezza ruota ...
Bestia che delusione, oramai ero li che me la gustavo e invece non ce l' ho fatta ....
Un secondo che brucia davvero, dopo una gran fuga e una bella azione, oramai la Vittoria era vicina, ma quest' anno Mirko in volata è una bestia, ha battuto tutti i più forti, per me non posso dire bene così come dico di solito, a questo punto, devo assolutamente migliorare lo spunto, devo riuscire a finalizzare le azioni e devo lavorare per migliorare, non mi abbatto, anzi rimbocchiamoci le mani, la stagione è ancora lunga e adesso la forma quella buona sta arrivando.


IL PREMIO DI OGGI:


ORDINI DI ARRIVO:

San Nicolò (TV)Trofeo Insieme per S.Nicolò Organizzato dal team 3B Salgareda

Donne1a Valentina Gallo (Università di Padova) 2a Lauretta Granzotto (Solighetto)

Debuttante Daniele Boccalon (Ferramenta Fantuz)

Superb. 1°Renato Malvestio (cicli Olympia) 2° Felice Riolfo (Cazzago calz.) 3° G.Battista Fanchin (Dueville) 4° Alfredo Moras (Ferramenta Fantuz) 5° Umbertino Morandin (Cami)

Superg. 1° Mario Redigolo(Spinacè) 2° Sandro Toniolo (team Lenox) 3° Ettore Quarello (Pontepriula) 4° Celso Pecchialan (Lo sport 2 ruote) 5° Luciano Guidolin (Elisa)

Gentleman 1°Giancarlo Casotto (Elisa) 2° Agostino Durante (pioggia in faccia) 3° Luigino Zanetti (Adige) 4° Gianni Boiago (TV biketeam)5° Gianluca De Rossi (Elisa)

Veterani 1° Mauro Pasqual (Fit Low) 2° Desiderio Voltarel (idem) 3° Stefano Buffolo (3B Salgareda) 4° Franco Cassia (S.Giovanni) 5° Valerio Pavel (Comprex)

Senior 1° Mirko Mazzero (Piva teo sport) 2° Simone Tortato (Barbariga) 3° Francesco Graselli (Iperlando) 4° Fausto Valeri (Malgher) 5° Federico Costa (Liger bike)

Junior 1° Enzo Bragato (Spinacè) 2° Enrico Piccolo (idem) 3° Paolo Piva (Piva teo sport) 4° Giorgio Pavanello (idem) 5° Stefano Cancan (Bike Carole)

FILE GARMIN DELLA GARA:

giovedì 22 settembre 2011

Allenamento serale in F1

Mi sono reso conto che praticamente, riesco a toccare una velocità più alta su una progressione lunga che non in volata ... Triste ....
Ho menato a tutta sempre ma poi in volata ero fermo 56.6 la massima controvento .... 3° Classificato.
Stasera abbiamo sgasato forte ... Avevamo i 44 di media, come una gara, quando abbiamo trovato un trattore che ci ha praticamente fermati, poi a blocco e volatona finale ... !!!
Finalmente delle gran belle sensazioni domenica si va per fare la Gara ... !!!


Ciclista nuovo idolo del web

Fantozziana caduta rende Joey popolare nel mondo

martedì 20 settembre 2011

Allenamento serale in F1

Stasera ho rivisto un episodio visto mille volte nella mia vita ..... Avete presente quando siete in fondo al gruppo, tutti in fila indiana a specorare, attaccati per miracolo a alla ruota di quello davanti a voi .. Guardate corridori tutti in in lunga fila indiana e vi chiedete : Ma chi cazzo è quello davanti che tira !!!!

sabato 17 settembre 2011

Campionato Europeo Master 3° Classificato Fontanafredda (Pn)

IL PODIO:

NUMERO e MEDAGLIA DI BRONZO:

Oggi a Fontanafredda ho corso una Gara fantastica, in questa settimana si sono svolti i Giochi Europei Master, una sorta di Olimpiade per Amatori e presenti tutti gli Sport a Lignano Sabbiadoro, ovvio che queste manifestazioni sono a scopo promozionale e come intento hanno quello di attirare sportivi con le loro famiglie a farsi una vacanza extra fuori stagione.
Fatto sta che alla partenza si respirava veramente una atmosfera diversa dal solito, c'erano davvero gli stranieri, Sloveni, ma non solo Russi, Olandesi, 1 Australiano, ma i più colorati sono stati i Portoghesi !!!
Bodi smanicato verde pisello e calzini lunghi fino alle ginocchia a coprire la folta peluria ... Li abbiamo doppiati ....
Questi erano gli Amatori, poi quando ho visto gli Italiani ho capito che c'erano anche i Corridori ... !!
Anche se per dire la verità la Gara è stata vinta da uno Sloveno, un fenomeno, da solo alla grande, con due minuti di vantaggio ... !!!!
Alla partenza eravamo in 65 non proprio tanti peccato perchè c' erano altre due corse a pochi km che di sicuro hanno portato via corridori, ma mi dispiace oggi ha sbagliato chi non è venuto a Fontanafredda per questo "Evento".
Il percorso molto duro ha fatto gran selezione, molto bello, tanto tecnico, 8 km circa da fare 9 volte con una rampetta leggera ma che faceva male e alla fine è venuta fuori selezione perchè presa a tutta.
La Gara è partita strana, nel senso che sembrava si andasse piano ma guardavo il cardio e vedevo che faticavo, sembrava in un certo senso di andare con il freno a mano tirato ....
Questo era dovuto al percorso che avendo un pezzo con la strada in discesa, permetteva dei gran recuperi da parte del gruppo e la fuga ha faticato parecchio ad andare via.
In pratica verso metà gara, il caldo e l' alta velocità con tutti gli scatti hanno cominciato a fare selezione, come detto prima se ne sono andati via in 3 quelli che hanno fatto il numero, poi dietro ci siamo un pò aperti e dopo qualche tira e molla se ne sono andati via diciamo alla fagiana altri 3 o 4 vado un pò a memoria.
Come detto a questo punto la corsa si è fatta rognosa e dura, io stavo benino, ma non posso dire bene, ad ogni modo sulla rampa ho dato una prima botta, ma il gruppo ha chiuso, a questo punto ha provato Martinazzo, ma il gruppo ha chiuso ancora, però erano due menate consecutive di quelle cattive e così poco prima della svolta a scendere ho riprovato, la rampa l' ho fatta a tutta fino alla fine, poi sopra chi c'era c'era e infatti il gruppo era "saltato", eravamo rimasti in 5.
Quando la strada ha cominciato a scendere abbiamo cominciato a girare in doppia fila e fuga fatta.
A questo punto eravamo a 2 giri dalla fine, quelli davanti avevano oltre 1 minuto e 30 di vantaggio quindi era quasi impossibile andarli a prendere , dietro da quello che sentivo dalla moto di Radio Corsa (altra figata della Gara) avevamo circa 45 secondi di vantaggio, quelli davanti erano tutti di altre categorie e noi in fuga eravamo 1 M4, 1 Olandese M3 e tre M2 che in pratica ci giocavamo la Vittoria di categoria.
Uno dei due lo conoscevo bene Alessandro Picco il Campione Europeo su Pista un vero fuoriclasse, mentre il secondo non l' avevo mai visto, ma dalle trenate che dava si capiva che aveva birra in corpo.
Per farla breve, abbiamo girato tutti assieme fino all' ultimo km, dove è scattato quello che non conoscevo, a questo punto ho "provato a giocarmela sporca" nel senso che ho fatto capire a Picco che io non avrei chiuso e se voleva Vincere se la doveva sudare, sarebbe stato perfetto per me, ma purtroppo l' Olandese senza tanto ragionare è scattato e ha dato una trenata forte che ci ha portato molto vicino al fuggitivo, la trenata è stata così forte che io sono andato fuori giri e quando ai 200 metri è partito Picco io ero senza potenza, sono scattato, ma me lo vedevo allungare davanti a me, infatti non sono riuscito nemmeno a prendergli la ruota, mentre lui prima della linea è riuscito a passare pure il fuggitivo e a Vincere la corsa io dietro di un paio di biciclette 3°.
Alla fine comunque sono stato molto felice, il podio e la medaglia hanno sempre un sapore speciale e ci si sente sempre un pò Vincitori, una Gara vera, un bel percorso e un bel risultato, va bene così è una giornata che ricorderò con piacere.

IL PREMIO DI OGGI:

CLASSIFICA M1:

CLASSIFICA M1:

CLASSIFICA M3:

CLASSIFICA M4:


FILE GARMIN DELLA GARA:


giovedì 15 settembre 2011

Allenamento serale in F1

Gambe legnose e afa, ma a tutta come sempre !!!


Tratto da una storia vera ( LA MIA ) :)))))

L' attore che mi ha interpretato non mi rende giustizia, ovviamente io sono molto più bello :O)))
Scherzo ovvio, ad ogni modo è una grande soddisfazione essere protagonisti di "UNA STORIA VERA".

MCipollini. Tutta la Verità - The whole Truth - 2011 - HD from Mcipollini on Vimeo.

domenica 11 settembre 2011

Gara Maserada 9° Classificato

E anche oggi mi sono fatto la mia bella dose di km in fuga, pronti via a blocco e fino alla fine nonostante i crampi e non avessi gambe ho provato a Vincere, questo lo premetto subito perchè ci sono piazzamenti e piazzamenti.
Io credo che quando dentro di te sai di avere dato il massimo e di più non potevi, devi essere fiero di quello che hai ottenuto senza "se" e senza "ma".
Oggi come anche ieri era molto caldo, umido e l' aria afosa segava le gambe, al via eravamo una cinquantina divisi tra Junior e Senior.
Il circuito bello tecnico con parecchie curve dove si doveva proprio alzare il sedere dalla sella e rilanciare era tecnico e veloce.
Pronti via facciamo il primo giro a manetta, scatti e contro scatti a quasi 46 di media, così dopo una forte trenata ce ne siamo andati via come missili in 5, rapportone e via menare anche se dietro non hanno mollato anzi, in primo momento sono rientrati 2-3 e dopo un' altro giro sono rientrati altri 6-7 a fare un gruppo abbastanza numeroso.
A questo punto eravamo a circa metà gara, la fuga aveva tutte le caratteristiche per essere quella buona, anche se il gruppo alla fine sarà stato al massimo dietro di 1 minuto.
Io non ero super ho contato quanti Senior eravamo e sapendo di essere in 9 il premio era sicuro, come detto il caldo mi ha tagliato le gambe e ad un certo punto ho cominciato ad avere pure i crampi, ma fatto questo ragionamento e visto come era composta la fuga di arrivare 3-4 non me ne importava nulla, così ho deciso che avrei provato fino alla fine e fino a che avrei avuto energie.
Al suono della campana è partito il mio amico Costa e a questo punto l' Eurovelo ha cominciato a tirare per andare a chiudere, la velocità era alta e quando a 3-4 km dall' arrivo abbiamo ripreso Costa e ci siamo appena appena aperti ho scattato secco, ciglio destro della strada 12 in canna e menare ....
Dietro il primo attimino si sono fermati, ma poco dopo hanno cominciato la rincorsa, per dire la verità io non ho mai mollato, ma da dietro erano troppo convinti di riprendermi e così per me non c'è stata altra possibilità e all' ultimo km sono stato ripreso, a questo punto ero sfinito, non ne avevo proprio più e mi sono pure staccato.
Sono arrivato all' arrivo piano piano e comunque sia per lo meno il premio sapevo di averlo conquistato, ripeto non ho rimpianti perchè le gambe erano quelle che erano, ma anche oggi ero in fuga a menare, se ci fosse il numero rosso come al Tour con tutti i km di fuga che ho fatto questi ultimi due mesi penso che me lo giocherei, ma adesso mi sento sempre meglio, le ultime 8 gare ho fatto 7 piazzamenti nei 10 con tre secondi posti, va già bene così ma adesso è ora di raccogliere.

IL PREMIO DI OGGI:


FILE GARMIN DELLA GARA:

sabato 10 settembre 2011

venerdì 9 settembre 2011

Per chi vuole organizzare Corse per Amatori

Quando avete dei dubbi o non sapete come fare, chiamate i ragazzi del Colorificio Santa Eufemia e chiedete consigli, sono i N1, guardate che premiazioni ... !!!

mercoledì 7 settembre 2011

PADANIA. Le immagini della contestazione.


LE POLEMICHE
Savona, Ivan Basso e Modolo insultati
e presi a sberle al Giro di Padania
I ciclisti: «Siamo professionisti, vogliamo rispetto».
La corsa deviata nel traffico. Prc: «Fermate la gara»

Tafferugli al giro di Padania, manifestanti di Prc tentano di bloccare la gara (6 settembre 2011)


Ivan Basso e Modolo MILANO - Spintoni, proteste e tensioni non sono mancati neppure nella seconda tappa del giro di Padania, dopo i primi tafferugli di martedì alla partenza della manifestazione. Insulti e sberle anche per Ivan Basso e Sacha Modolo, leader del gruppo. Mentre la corsa transitava a Savona, con quattro corridori in fuga, il gruppo si è trovato di fronte ad una contestazione che bloccava la strada. Gli organizzatori hanno così tentato un percorso alternativo, trovandosi però in mezzo al traffico; si è così deciso di tornare sulla strada «originaria» e affrontare i contestatori. Tra i manifestanti che hanno tentato di bloccare la seconda tappa del Giro di Padania, i segretari provinciali di Prc e Pd, Marco Ravera e Livio Di Tullio, quello della Cgil, Francesco Rossello e altri militanti del centrosinistra.
GLI INSULTI - Prima di ripartire, il leader della classifica generale, Sacha Modolo, e Ivan Basso, uno degli atleti più rappresentativi del gruppo, si sono recati dal presidente della Monviso-Venezia, Michelino Davico per chiedere a nome dell'intero plotone dei partecipanti che il pubblico rispetti la corsa. «Noi siamo dei ciclisti, siamo venuti a questa gara per correre, e chiediamo solo che il pubblico ci permetta di farlo. Siamo dei professionisti, chiediamo rispetto da parte di tutti, nei confronti del nostro lavoro - hanno detto Sacha Modolo e Ivan Basso che hanno riferito di essere stati insultati a più riprese da alcuni manifestanti lungo il percorso - Qualcuno è andato anche oltre ai fatti e ci ha rifilato delle sberle. Per noi questi comportamenti sono inaccettabili, siamo degli sportivi, ci alleniamo e fatichiamo quotidianamente per poter correre, non accettiamo che i nostri sforzi vengano resi vani in questo modo».

«ANNULLARE LA GARA» - «Ripropongo alla Federazione ciclistica italiana una cosa molto semplice: prenda atto di aver fatto un errore e annulli il giro della Padania evitando che i problemi aumentino». È la richiesta del segretario di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero, che martedì, insieme a un gruppo di militanti del partito, ha cercato di bloccare il giro nel cuneese. «La Lega - aggiunge Ferrero - non può pensare di strumentalizzare in questo modo il mondo dello sport. Il ciclismo è uno sport democratico oltre che faticoso: presuppone il consenso delle popolazioni ove le corse si svolgono, non si possono fare le corse ciclistiche a porte chiuse. La Fci prenda atto che nel nord Italia non esiste il consenso al Giro della Padania e lo interrompa». «Anche oggi, a Savona - spiega il segretario di Rifondazione - il giro della Padania è stato bloccato dalla protesta. Rispetto a ieri è del tutto evidente che le forze democratiche che si sono mobilitate si è allargato».

L'ARRIVO - La seconda tappa si è comunque conclusa a Vigevano con la vittoria di Elia Viviani . Secondo al traguardo della gara ciclistica è arrivato Sasha Modolo (Colnago-Cff), seguito al terzo posto da Danilo Napolitano (Acqua&Sapone-Mokambo). L'arrivo in volata si è svolto in modo sereno, contrariamente a quanto accaduto precedentemente in Liguria, dove il 'Giro di Padanià era stato contestato. Poco prima di Vigevano, sul tracciato della gara, è apparso solo uno striscione senza firma con scritto: «La Padania non esiste». Al traguardo della gara la presenza leghista è stata abbastanza defilata. Giovedì il «Giro di Padania» ripartirà da Lonate Pozzolo (Varese) verso Salsomaggiore (Parma).

corriere.it

martedì 6 settembre 2011

La bici del FUTURO !!!

La bici del futuro !!!

Bici Lunartic Senza Raggi

Questa bici ha una combinazione davvero unica di diverse dimensioni delle ruote, trasmissioni a cinghia dentata e un mozzo della ruota posteriore di meno!
L'USP di essere l'effetto giroscopico di una velocità delle ruote di grandi dimensioni favoreggiamento e più superficie di contatto strada-aggiunge stabilità.
La ruota anteriore piccola consente di risparmiare spazio e migliora maneuverability.
Spero voi godetevi il video!

Il Ciclo Lunartic è una voce per il James Dyson Award.




lunedì 5 settembre 2011

Aggiornamento totali bici-no.auto

Aggiornamento totali bici-no.auto per settimana scorsa:

Totale Km 150.1
Benzina risparmiata 12.01 litri
Euro risparmiati 17.17 e oggi si riparte
Sarebbe interessante calcolare il risparmio di Co2 ....

domenica 4 settembre 2011

sabato 3 settembre 2011

Novità Dry System Active



Per chi è interessato il maglificio Mr Sport ha realizzato un capo altamente innovativo e tecnologico è possibile ordinare la nuova divisa ITALIANJET con questo tessuto innovativo, aderente e traspirante.

Dry System Active è un tessuto altamente tecnologico che trasferisce l'umidità corporea all'esterno lasciando la pelle asciutta. Caratteristiche principali:

Filato idrofilo in poli-Multibava
Tecnologia e ricerca all'avanguardia
Lavorazione con moderni impianti industriali
Queste caratteristiche rendono il capo unico e inconfondibile dando a chi lo indossa una piacevole sensazione di leggerezza ed elasticità. Si presta ad un uso frequente e si asciuga facilmente.


venerdì 2 settembre 2011

IL MERCATINO DEI MIEI AMICI

Apro questo ALBUM per tutti i miei amici che hanno materiale ciclistico da vendere, la merce è di proprietà dei rispettivi venditori e la trattativa viene fatta direttamente con loro io non percepisco nessuna commissione e l' inserimento è gratuito.


Vendo zipp 404 con pacco pignoni shimano 12,23
copertoni nuovi della deda anno 2009

Vendo delle fulcrum 3 per shimano
l 'anteriore ha tre mesi cambiata in garanzia la post 1 anno e mezzo ...
mai gare chiedo 200 euri.


Bici-No.auto


L' ultimo periodo, mi sono fatto un pò insofferente all' uso della macchina, così un pò alla volta, mi sono organizzato per spostarmi con la bici.
In pratica ho cominciato questa settimana, esattamente lunedì ad andare al lavoro in bicicletta, ma non solo, ho cercato di usarla sempre e comunque ogni volta potessi.
In pratica partendo da questo ragionamento, mi ritrovo ad oggi venerdì che è esattamente da sabato sera che non uso la macchina !!!
Quasi una settimana nella quale ho usato solo ed esclusivamente la bicicletta !!!
Per spostarmi uso la MTB e ho uno zainotto abbastanza capiente dove mi porto tutto quello che mi serve sia per cambiarmi, sia per rinfrescarmi, sia per trasportare piccole cose.
Per me non è stato difficile abbituarmi, in fondo di km in bici ne faccio tanti, ma è un bel passaggio mentale, insomma alla fine l' auto è maledettamente comoda, alla fine non è nemmeno proprio così costosa da essere "costretti" ad usarla, ma quello che sento che mi appaga è il senso di libertà, il senso di poter difendermi dal sistema e questa è la vera Vittoria.
Poi ragionando in termini meramente economici, ho cominciato pure a calcolare quanto soldini mi rimangono in tasca, alla fine sono grosso modo 3 euro al giorno, che detto così non sono niente, ma se cominciamo a calcolare 3 euro al giorno per tutto il mese, sono già una discreta somma, se poi uno avesse la costanza di farlo tutto l' anno ......
Aggiungiamoci in fine la minor quantità di Co2 immessa nell' aria e questo è un beneficio per tutti, per questo dico se è possibile, se ne avete la possibilità provate a farlo magari solo per qualche giorno anche a livello di semplice esperienza personale e vi sentirete bene sia fisicamente sia moralmente.
Calcolando solo i km ovvio senza gli allenamenti, nei quali ho usato la bici al posto dell' auto questi sono i totali :

Totale Km 109.7
Benzina risparmiata 8.77 litri
Euro risparmiati 12.54

giovedì 1 settembre 2011

Giro in F1 serale


Allenamento in F1 Giro corto


Allenamento di martedì scorso con giro intermedio