mercoledì 29 febbraio 2012

Ciao Ciao udace ....



La Consulta Nazionale Ciclismo, preso atto che la nota trasmessa alla Consulta stessa dal Presidente ACSI Sig. Antonino Viti non chiarisce in modo univoco, come richiesto con il verbale del 23 gennaio 2012 , la rappresentanza di UDACE da parte di ACSI, (Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI) , stabilisce che soltanto le manifestazioni organizzate dal settore ciclismo ACSI, possono essere ricomprese in quelle riconosciute dalla Consulta del ciclismo, come soltanto i tesserati ACSI possono prendere parte alle attività svolte sotto l’egida degli EPS/FCI della Consulta stessa.

Il Segretario Consulta Nazionale Ciclismo

Enzo Martino

16 commenti:

  1. Per cui chi è tesserato UDACE non potrà correre in tutte le gare organizzate da un ente diverso dall'UDACE? Piero Stefani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avete la tessera udace e adesso avete paura di non correre più nessun problema le porte del Team ITALIANJET sono aperte, con la nostra tessera CSAIN si corre sempre dappertutto e si è sempre in regola :))))))
      Simone

      Elimina
    2. :0))))))))))

      Elimina
    3. Come ti sbagli.......da noi, in provincia di Imperia Savona e Genova esiste "solo" l'UDACE, che poi qualc'uno lo vuole sabotare.....ma le corse, ripeto, da noi le organizza solo l'UDACE. Vedere il calendario Regionale FCI, e Udace.

      Elimina
    4. Ciao ti sbagli tu purtroppo ecco il comunicato del coni di ieri sera:

      http://www.consultaciclismo.altervista.org/dati/CONI_09_03_2012.pdf

      Ciao Ciao

      Elimina
  2. Viva il team Italianjet!!!! Piero Stefani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 18 ti confermo che andiamo ad Oderzo se ti vuoi aggregare divertimento garantito :O)))

      Ciao Simone

      Elimina
  3. Guarda che vengo con mia morosa (tua ex compagna di classe) che in pianura va come una moto ma in salita un pò meno; perciò se mi assicuri che la prendiamo come una gita ok, altrimenti è meglio di no.
    Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembrava di avere sentito questa leggenda (parlo della ex compagna di classe) !!!
      Ad ogni modo 200 Km bisogna per forza farli regolari, altrimenti è dura tornare a casa .....
      Poi voi conoscete il suo stato di forma sono sempre 6-7 ore di bici e di sella .....
      Per me non ci sono problemi, come ho detto facciamo un gruppetto di amici e ci passiamo una bella giornata.
      Simone

      Elimina
  4. Cacchio ma lei non ha la tessera. Come può fare?
    Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche io ho la tessera udace, ma scommettiamo che ci fanno partire lo stesso :O))))

      Ciao Simone

      Elimina
  5. Ma penso che basti qualsiasi tessera, o no? Lei non ne ha neanche una...
    Piero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falle la tessera con il Team ITALIANJET :))))
      A parte gli scherzi una tessera deve averla per buttarsi dentro al gruppo.
      Simone

      Elimina
  6. ciao son TheFast, leggete anche questa


    L´Udace aderisce all´Acsi

    Una nuova sinergia per rinnovare l´impegno associativo in favore dello sport per tutti nel settore del ciclismo.
    Crescono con il contributo e la grande esperienza dell´Udace nel settore del ciclismo amatoriale i punti di riferimento in favore degli appassionati delle specifiche attività sportive. Il comune impegno per lo sviluppo dello sport per tutti compie con questo vincolo di solidarietà un migliore servizio per gli appassionati sportivi, una tutela incomparabile sul fronte della sicurezza e della responsabilità, sia dal punto di vista associativo che organizzativo.

    La Direzione Nazionale dell´ACSI, riunita ad Arezzo il 12 novembre 2011, dopo la relazione del Presidente Antonino Viti, approva l´adesione dell´Udace all´ACSI quale Ente di riferimento.

    “L´unione degli Amatori ciclismo Europeo” (UDACE) è una libera associazione senza fini di lucro, un Ente di promozione sociale basato sul volontariato, fondata il 17 novembre 1956.

    L´Udace è un´associazione apolitica che opera senza distinzioni etniche, ideologiche o confessionali e si propone come unica e valida finalità lo sviluppo di attività legate al mondo del ciclismo amatoriale e cicloturistico, ancorché svolte con modalità competitive. Un´associazione artefice della crescita e dello sviluppo della storia ciclistica amatoriale nel nostro paese.

    Il Presidente dell´UDACE Francesco Barberis già nella conferenza di organizzazione dell´associazione recentemente svoltasi a Riccione aveva annunciato la scelta dell´ACSI come Ente di riferimento, dice Barberis: ” Siamo alla vigilia di scelte che assumeranno un particolare valore in questo periodo della nostra vita associativa, poiché stanno per giungere a maturazione profondi processi di cambiamento sul duplice versante associativo e organizzativo” .

    Il Presidente dell´ACSI Antonino Viti considera efficaci le parole di Barberis poiché, al dì là della crisi economica, occorre lavorare per mettere in campo un comune impegno per dare migliori risposte agli associati che amano lo sport ed essere consapevoli del ruolo di servizio e di tutela per stimolare la crescita e rendere le sinergie efficaci per dare alle rispettive associazioni un futuro con basi solide.
    .novembre 15th, 2011 | Category: Presidenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il documento che hai postato è vecchio novembre2011 la verità è che le cose sono cambiate di parecchio e penso siamo solo all' inizio ... Ne vedremo delle belle.
      Di certo chi ha creduto nel progetto Csain come io e Potente penso siamo stati parecchio lungimiranti ;))))))

      Ciao Simone
      P.s. chiedi a Federico quanti soldi ha preso dal' assicurazione del' udace

      Elimina

Il Blog e' aperto a tutti unica condizione la firma nel commento.
Ciao Simone